Champions League: il Liverpool firma il poker e vola in semifinale

I Reds si impongono anche al do Dragao contro il Porto con un secco 4-1. Tra due settimane ci sarà il Barcellona

  • A
  • A
  • A

Niente rimonta per il Porto. Il Liverpool vince anche la gara di ritorno dei quarti di Champions League per 4-1 e vola in semifinale. I Reds sbloccano il risultato al 26', con Sadio Mané che insacca in rete l'assist di Salah; l'egiziano firma il raddoppio al 65'. Militao segna il gol della bandiera, prima del tris di Firmino al 77' e il definitivo 4-1 di van Dijk (84'). La formazione di Klopp affronterà il Barcellona di Messi tra due settimane.

Primi 15 minuti intensi al do Dragao da parte del Porto. Corona prova un tiro incredibile dopo 40 secondi: il messicano si accentra e fa partire un gran sinistro che sfiora la traversa. Al 7', sugli sviluppi di una punizione, Corona mette dal centro per Marega, che si gira e prova il destro ma trova un Alisson attento che para a terra. Lo stesso Marega non trova poi lo specchio della porta sull'assist di Matip. Continua la pressione del Porto, con il Liverpool che non riesce proprio ad uscire dalla propria metà campo. La prima volta che riesce a farlo capita al 26', quando Mané porta in vantaggio i Reds: Wijnaldum scambia con Salah che serve in area piccola il senegalese, il quale da ottima non può fare altro che insaccare in rete. L'assistente annulla per fuorigioco, ma il Var smentisce la sua decisione, convalidando il gol che di fatto regala anticipatamente le semifinali al Liverpool. Quarto gol in questa Champions per Mané. Beffa enorme per il Porto, praticamente dominatore per tutta la prima mezz'ora di gioco. I ritmi di gara calano inevitabilmente nel secondo tempo: i padroni di casa subiscono il colpo psicologico. Corona fa partire il sinistro appena entrato in area, ma c'è Alisson prontissimo.

Il Liverpool gestisce i quattro gol di vantaggio nell'aggregato totale senza molte apprensioni, nonostante il Porto continui a stazionare in zona d'attacco. Tiquinho va di testa su cross di Herrera ma non inquadra la porta. Verso il 60' si rivede la formazione di Klopp con il tiro fuori mira di Salah. L'egiziano si riscatta comunque pochi minuti più tardi (65') superando col piatto sinistro Casillas in uscita sulla verticalizzazione di Alexander-Arnold. Militao segna il gol della bandiera, Firmino timbra il tris al 77' (assist di Henderson) prima del definitivo 4-1 di testa a opera di van Dijk. Questo Liverpool visto finora in Champions sarà assolutamente in grado di fare paura al Barcellona tra due settimane.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments