DORTMUND-SIVIGLIA 2-2

Champions League, ad Haaland e al Borussia basta il pari: Siviglia eliminato

Nel 2-2 che promuove i gialloneri (vittoriosi 3-2 all’andata) il norvegese segna su azione al 35’ e dal dischetto al 54’. En Nesyri prova a riaprire i giochi nel finale, ma non basta

  • A
  • A
  • A

Il Borussia Dortmund passa ai quarti di Champions League grazie al pareggio per 2-2 contro il Siviglia, sconfitto 3-2 all’andata. Decisiva la doppietta del solito Erling Haaland, a segno al 35’ su assist di Reus e al 54’ su rigore. In 6 presenze europee stagionali sono 10 le reti del norvegese. Il Siviglia preme nel finale, En Nesyri fa doppietta al 69’ dal dischetto e al 96’, ma non basta: la squadra di Lopetegui è fuori dall’Europa.

LA PARTITA
Contro una squadra che vanta Erling Haaland nel motore c’è bisogno di una prestazione ‘alla Bayern’ per il Siviglia, chiamato all’impresa dopo il 2-3 subìto all’andata. La squadra di Julen Lopetegui, però, non solo non riesce a centrare l’obiettivo, ma si complica pesantemente la vita nella prima ora di gioco e riesce solo parzialmente a rimediare nel finale, senza però evitare l'eliminazione. Reduce da un momento nero in patria (due sconfitte con il Barcellona, cui è seguito il tonfo in casa dell’Elche) il Siviglia sembra in realtà partire bene e gioca stabilmente nella metà campo avversaria. Di fatto, però, se si esclude un destro dell’ex milanista Suso di poco a lato al 18’, gli andalusi non producono nulla di davvero pericoloso. La squadra di casa è invece cinica e spietata, e passa al 35’: Dahoud ruba a Koundé un pallone velenoso sulla tre quarti e serve Reus, il capitano giallonero arriva fino in fondo al campo e anticipa l’uscita del portiere Bounou con un preciso passaggio a centro area per Haaland, che deposita in rete da pochi passi.

Il Borussia non è sazio e a inizio ripresa va ancora in rete con Haaland: la rete è però annullata dall’arbitro su segnalazione del Var (l’italiano Irrati) per una spallata troppo vigorosa del norvegese su Fernando. Dalla stessa sala-regia arriva però l’indicazione di una trattenuta proprio sull’autore del gol annullato da parte di Koundé, poco prima della rete: l’arbitro Cakir verifica l’azione in prima persona all’on-field review e assegna il penalty, ma Haaland sbaglia, con Bounou bravo a parare il primo tiro e ad opporsi sulla respinta. C’è però un altro colpo di scena: il direttore di gara, infatti, decide di far ripetere il rigore perché il portiere degli andalusi aveva anticipato il movimento avanzando rispetto alla linea di porta: stavolta Haaland non sbaglia, e segna così il suo decimo gol in sei presenze europee stagionali quando il cronometro segna il 54’, prendendosi anche un cartellino giallo per un battibecco post-esultanza con Jordan.

Lopetegui prova il tutto per tutto, consapevole che servono ora tre reti per portare il match ai supplementari: gli ingressi di Luuk de Jong e dell’ex atalantino Papu Gomez permettono di alzare il baricentro, e al 69’ la scintilla della speranza si riaccende quando un altro ex del campionato italiano, l’ex Juve Emre Can, spinge ingenuamente proprio de Jong in area: dal dischetto va En Nesyri, che non sbaglia. Lo stesso attaccante marocchino è l'ultimo ad arrendersi e firma nell’ultimo dei sei minuti di recupero il pareggio, regalando qualche istante di sofferenza alla squadra di casa. C'è però troppo poco tempo prima del triplice fischio: ad esultare è il Dortmund, che torna ai quarti di Champions per la prima volta dal 2017. Sempre grazie al suo implacabile bomber.

LE STATISTICHE
Il Borussia Dortmund si qualifica ai quarti di finale di Champions League per la prima volta dal 2016/17, con Thomas Tuchel in panchina.
Il Siviglia non ha mai superato il turno nella fase a eliminazione diretta della Coppa dei Campioni/Champions League dopo aver perso il match d’andata.
Erling Haaland è diventato il giocatore più veloce di sempre a segnare 20 gol in Champions League: ha impiegato appena 14 presenze, 10 in meno rispetto al precedente detentore del record (Harry Kane, 24).
Erling Haaland è il giocatore più giovane ad aver segnato in sei presenze di fila in Champions League (20 anni, 231 giorni).
Erling Haaland ha segnato sette gol in quattro gare al SIGNAL IDUNA PARK in Champions League con il Borussia Dortmund.
Erling Haaland (20) ha superato Ole Gunnar Solskjaer (19) ed è ora il giocatore norvegese con il maggior numero di gol in Champions League.
Erling Haaland è diventato il primo giocatore capace di realizzare una marcatura multipla in quattro presenze di fila in Champions League.
Il Borussia Dortmund ha segnato in 34 partite ufficiali di fila per la prima volta nella sua storia nel calcio professionistico.
Youssef En-Nesyri ha segnato sei gol in questa Champions League - solo Wissam Ben Yedder (8 nel 2017-18) ha fatto meglio in una singola stagione di Champions League con il Siviglia.

Leggi Anche

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments