Quando la simulazione è ridicola: Marko Marin sviene al tocco dell'arbitro e viene ammonito

Il fantasista tedesco, ex-Fiorentina, si è reso protagonista di una goffa caduta durante Smyrnis-Olympiakos

  • A
  • A
  • A

Fantasista tedesco giramondo, Marko Marin, 29 anni, ci ha messo un pò prima di trovare la sua dimensione. Formatosi calcisticamente in Germania, dove ha vestito le maglie di Borussia Moenchengladbach e Werder Brema, Marin ha cominciato il suo viaggio per l'Europa cominciando dall'Inghilterra e dal Chelsea, che aveva subito notato le sue doti. Il centrocampista, però, non è mai riuscito a sfondare ed ha girato a lungo, militando nelle file del Siviglia, della Fiorentina, dell'Anderlecht e del Trabzonspor, prima di approdare alla sua ultima squadra, l'Olympiacos. Qui, pare, ha trovato il suo ambiente ideale, è apprezzato dai tifosi ed è un punto di riferimento per l'attacco dei Thrylos (le leggende). Durante la gara con lo Smyrnis, però, si è reso protagonista - in negativo - di un episodio tanto goffo quanto inappropriato. Protestando per un mani in area di un avversario, infatti, Marin ha perso la testa e, quando l'arbitro Alexandros Katsikogiannis ha cercato di allontanarlo con le mani, ha ben pensato di simulare un colpo al volto, crollando letteralmente a terra. Il fischietto greco, a quel punto, non ha potuto che ammonirlo e lo ha graziato, perchè quel gesto poteva costargli anche il rosso.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments