IL CASO

Real, Zidane: "Bale non è voluto entrare contro il Bayern"

L'allenatore dei blancos chiarisce: "Ho semplicemente detto che il club sta provando a vendere Gareth"

  • A
  • A
  • A

A due giorni di distanza dalle dichiarazioni rimbalzate in tutto il mondo ("Speriamo che Bale se ne vada presto"), Zinedine Zidane torna sulla spinosa questione incalzato dai giornalisti nella conferenza stampa pre-Arsenal. "Voglio essere chiaro, non ho mancato di rispetto a nessuno, men che meno a un giocatore. Starò sempre dalla parte dei miei giocatori come ho ripetuto più volte. Ho semplicemente sottolineato che il club sta trattando la sua uscita", spiega il tecnico francese.  

Il gallese non è sceso in campo nella sfida di ICC contro il Bayern ma non per scelta di Zidane: "Gareth non è voluto entrare, ha detto che la società sta provando a venderlo e per questo motivo non si è cambiato. Ora torniamo al punto di prima. Continua a essere del Real, oggi si allenerà normalmente e domani si vedrà. Non so nulla di nuovo sul mercato (in Inghilterra si parla di un possibile scambio con Neymar ndr)". A chi gli chiede se è un fastidio pianificare gli allenamenti con l'ex Tottenham, Zidane risponde categorico: "Niente affatto, devo rispettare i calciatori. Farà le stesse cose degli altri".  

L'AGENTE: "GARETH NON ANDRA' VIA IN PRESTITO"

 "Non ci saranno accordi improvvisati per fare andare via Bale". Lo assicura Jonathan Barnett, agente del gallese. "Gareth è uno dei migliori giocatori del mondo. Posso garantire che non andrà in prestito a nessun club - aggiunge il procuratore - Se dovesse succedere qualcosa che ci andasse bene, allora le cose potrebbero cambiare e lui potrebbe andarsene in un giorno o una settimana. Oppure potrebbe ancora essere un giocatore del Real tra tre anni, quando il suo contratto scadrà". 

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments