Premier: Pogba-Ibra, lo United va

Mourinho ringrazia i suoi assi: a Swansea finisce 3-1 per i Red Devils, a segno l'ex Juve e doppietta dello svedese

  • A
  • A
  • A

Nell'undicesima giornata di Premier, il Manchester United batte 3-1 in trasferta lo Swansea e ritrova il sorriso grazie ai criticati assi Pogba e Ibrahimovic. Sono loro gli artefici di un successo che mancava dal sesto turno e che riporta i Red Devils a ridosso della zona Europa: bellissimo il vantaggio dell'ex Juve così come il raddoppio dello svedese che poi firma anche il 3-0 al 33'. Al 69' la rete gallese con van der Hoorn.

La reazione dei fuoriclasse. Basterebbe questo a spiegare il 3-1 del Manchester United a Swansea, perché è proprio il ritorno al gol dei propri assi che i Red Devils ritrovano il sorriso, vincendo dopo quattro giornate di astinenza e riportandosi a -3 dalla zona Europa (-6 dalla Champions). Mourinho manda in campo Rooney, Mata e Pogba a sostegno dell'unica punta Ibrahimovic e dopo il vantaggio sfiorato dal proprio capitano in avvio di gara, il Manchester United passa al 15': grandissima la sventola del francesa ex Juve che si coordina su una ribattuta al limite dell'area e al volo di mezzo esterno infila la porta di Fabianski.

L'asse Rooney-Ibrahimovic funziona che è una meraviglia e al 21' il tocco del numero dieci per lo svedese è un invito al tiro che il bomber ex Psg non si lascia scappare: rasoiata di destro dal limite e palla nell'angolino basso per il 2-0 United. Ibrahimovic ci prende gusto e al 33' cancella sei giornate senza andare a segno firmando anche il 3-0 dei Red Devils: contropiede con assist di Rooney, controllo difettoso dello svedese che recupera posizione e pallone e di sinistro da centro area batte ancora Fabianski.

Il monologo del Manchester United dura anche nella ripresa, per quanto a ritmi più bassi: Fellaini sfiora il poker al 54', Rooney cerca la gioia personale ma da un calcio da fermo al 69' arriva invece il 3-1 Swansea: punizione di Sigurdsson e colpo di testa vincente di Van der Hoorn. Di emozioni ne restano giusto un paio prima del fischio finale, ma il risultato non cambia più e il Manchester United torna a festeggiare un successo che riporta la squadra di Mourinho a 3 punti dal quinto posto del Tottenham.

Giornata di Premier da dimenticare per Claudio Ranieri. Dopo il successo per 3-1 del Manchester United ai danni dello Swansea c'è da registrare il tonfo casalingo del Leicester, che perde 2-1 contro il West Brom e rimane a sole due lunghezze sopra la zona retrocessione. Vantaggio di Morrison e pareggio firmato Slimani, ma al 72' un pasticcio di Drinkwater spiana la strada alla vittoria dei Baggies: decide il gol di Phillips.

West Brom che non vinceva in campionato da cinque giornate, e che grazie ai tre punti conquistati in casa del Leicester non solo abbandona la zona retrocessione ma scavalca in classifica le Foxes. Dopo un primo tempo senza gol al 52' Morrison di testa gira alle spalle di Zieler anticipando Huth. Ai padroni di casa servono tre minuti per pareggiare: è l'asse tutto algerino Mahrez-Slimani a confezionare l'1-1 (terza rete in campionato per l'ex attaccante dello Sporting Lisbona).

Nella fase cruciale del match ecco arrivare l'errore di Drinkwater: frittata del centrocampista inglese, che nel tentativo di servire al volo il suo portiere offre un assist involontario a Phillips. Tocco sotto e pallone che termina beffardo in rete. E' il gol che proietta la squadra di Tony Pulis a quota 13, mentre il Leicester rimane pericolosamente inchiodato a quota 12.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments