INGHILTERRA

Premier League: Mourinho stende Guardiola ed è primo, vincono anche il Chelsea e United

Il Tottenham batte 2-0 il Manchester City e, in attesa di Liverpool-Leicester, è solo in vetta. Blues e Red Devils stendono Newcastle (2-0) e West Bromwich (1-0)

  • A
  • A
  • A

Va a Josè Mourinho il big match con Pep Guardiola. Nella nona giornata di Premier League, il Tottenham batte 2-0 il Manchester City grazie a Son e Lo Celso, che regalano il primo posto in solitaria agli Spurs in attesa di Liverpool-Leicester. Vincono anche Chelsea e Manchester United: i Blues stendono 2-0 il Newcastle con l'autorete di Fernandez e il gol di Abraham, mentre il rigore di Bruno Fernandes vale l’1-0 dei Red Devils sul West Bromwich.

TOTTENHAM-MANCHESTER CITY 2-0
Serata perfetta per Josè Mourinho, che per la prima volta vince due sfide di fila con Pep Guardiola. A Londra, gli Spurs sbloccano il match dopo appena cinque minuti: Ndombele vede il movimento di Son, che controlla con il destro e batte Ederson con il mancino, firmando subito l'1-0. Il City va due volte vicino al gol con il colpo di testa di Rodri e il sinistro di De Bruyne, poi si vede annullare il pareggio al 27' per un tocco di mano di Gabriel Jesus sul gol di Laporte. Al 41', il brasiliano si rende nuovamente pericoloso con un destro che sfiora la porta difesa da Lloris, che però non è costretto ad intervenire sulla conclusione dell’ex Palmeiras.

Nella ripresa, il Manchester City si riversa in avanti alla ricerca del pareggio, solo accarezzato da De Bruyne, che col destro non inquadra lo specchio della porta al 51'. Al 65', Mourinho indovina la mossa vincente, inserendo Lo Celso per Ndombele. E l'argentino, pochi secondi dopo il suo ingresso in campo, trova il raddoppio al primo pallone giocato: Kane si invola centralmente e serve sulla sinistra l'ex Betis, che controlla e supera Ederson in uscita, firmando il 2-0 che chiude la partita. Il City non riesce ad battere Lloris, impegnato soltanto al 90' dal colpo di testa di Gabriel Jesus, e incassa la sua seconda sconfitta in campionato. Guardiola è ora a -8 (anche se con una partita da recuperare) dalla vetta, momentaneamente occupata dal Tottenham di Josè Mourinho, che vola a quota 20 e sale al primo posto in solitaria, in attesa del Leicester e del Liverpool.

NEWCASTLE-CHELSEA 0-2
Terzo successo consecutivo in Premier League per il Chelsea, sempre più in altro tra le posizioni di vertice nel campionato inglese. Vantaggio Blues che arriva già all’11’, poco dopo un pericoloso colpo di testa di Abraham sventato dal portiere avversario: dopo uno scambio insistito sugli sviluppi di un corner battuto corto, cross dalla destra di Mount che trova la deviazione goffa nella propria porta di Fernandez, nel tentativo di anticipare Chilwell, dopo che il pallone gli è rimbalzato davanti. Alla mezz’ora gli ospiti sprecano il raddoppio: Werner, liberato davanti alla porta dalla sponda di Abraham, liberissimo a tu per tu con Darlow, calcia incredibilmente a lato. Il tedesco si ripete con un altro errore a inizio ripresa, questa volta più veniale: l’ex Lipsia è bravo a rubare palla a Schar e a dirigersi verso Darlow, ma invece di tirare, effettua un passaggio corto per Ziyech che favorisce il recupero della retroguardia di casa con Clark. Il Newcastle si sveglia al 58’, quando Hayden spedisce clamorosamente alto, tutto solo, dopo avere vinto due rimpalli favorevoli. Il Chelsea gestisce comunque con ordine e sigla lo 0-2 al 65’: su un contropiede micidiale, Kovacic lancia Werner, che scappa dalla sua metà campo e si fa tutto il terreno di gioco lasciandosi alle spalle la difesa avversaria, imbuca poi per Abraham, il quale suggella la vittoria degli uomini di Lampard col piatto destro. Non basta una traversa di Longstaff per riaprire un match dominato dai Blues.

MANCHESTER UNITED-WEST BROMWICH 1-0
Seconda vittoria di fila per il Manchester United dopo il 3-1 all'Everton di Ancelotti. All'Old Trafford, i Red Devils partono forte e vanno subito vicini al gol: al 2', la deviazione di Martial su calcio di punizione viene respinta da Johnstone. Ancora più complicato l'intervento del portiere dell'Albion al 16': sponda di Bruno Fernandes e destro di prima intenzione di Martial, ma l'estremo difensore ospite si distende e allontana. Dall'altra parte, anche de Gea è bravo a deviare in angolo il diagonale di Grant. Nella ripresa, l'arbitro concede inizialmente rigore al West Bromwich per fallo di Bruno Fernandes su Gallagher, salvo poi invertire la decisione dopo il consulto al Var. Passato lo spavento, lo United torna a caccia del vantaggio, ma Johnstone è ancora bravo nel negare l'1-0 parando la conclusione di Rashford indirizzata all'incrocio dei pali. L'Albion non sta a guardare e risponde, sfiorando il gol al 52', ma de Gea respinge con il piede. Sull'azione successiva, arriva il calcio di rigore per gli uomini di Solskjaer per fallo di mano in area di Furlong. Dal dischetto, Bruno Fernandes si fa ipnotizzare da Johnstone, ma l'arbitro fa ripetere e, al secondo tentativo, l'ex Sporting non sbaglia, firmando l'1-0 per lo United al 56'. Il West Bromwich prova a replicare con Townsend, che va due volte vicino al pareggio: prima de Gea è bravo ad evitare l'1-1, poi è la traversa a respingere la conclusione del classe 1993. Il forcing finale non premia l'Albion: il Manchester United vince 1-0 e sorpassa il City salendo a quota 13, mentre il West Bromwich incassa il terzo ko di fila senza reti segnate e resta terzultimo con soli 3 punti.

ASTON VILLA-BRIGHTON 1-2
Terzo ko interno di fila per l'Aston Villa, che perde 2-1 contro il Brighton. La sfida si sblocca al 12': Welbeck, lasciato completamente solo prima della linea di centrocampo, si invola verso Martinez e lo batte con un tocco sotto che vale l'1-0. La formazione di Smith, che al 5' perde Barkley per infortunio, sfiora tre volte il pareggio: due con Trezeguet, una con Watkins, ma l'imprecisione degli attaccanti dei padroni di casa non porta al pareggio. L'1-1 arriva invece nella ripresa: punizione di Traore e deviazione vincente di Konsa al 47'. Il Brighton trova la rete decisiva al 56', con March che riceve da Gross e con il destro trova l'incrocio dei pali, segnando il 2-1 finale che consente agli ospiti, in dieci nel finale per il doppio giallo a Lamptey, di tornare alla vittoria dopo sei turni senza successi.

RISULTATI E CLASSIFICHE

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments