L'AFFONDO

La "profezia" di Platini: "Il calcio esploderà e la Superlega si farà di sicuro"

"Tutti se ne fregano di Ceferin, ha fatto i conti sbagliati con la Champions..."

  • A
  • A
  • A
La "profezia" di Platini: "Il calcio esploderà e la Superlega si farà di sicuro" - foto 1
© Getty Images

Michel Platini ha le idee chiare sul futuro del calcio e non usa giri di parole per chiarire il concetto. "Dopo la sentenza della Corte europea che ha stabilito che Fifa e Uefa non hanno più il monopolio delle competizioni, il calcio esploderà - ha dichiarato a Le Figaro l'ex presidente Uefa -. La Superlega si farà di sicuro. Tanta gente che come me non ama Fifa e Uefa mi sta contattando. I tempi cambiano. La Superlega è ineluttabile". "Oggi, tutti se ne fregano di Aleksander Ceferin - ha aggiunto rincarando la dose -. Ha fatto i conti sbagliati, cambiando la Champions solo per distribuire più partite e soldi ai club che vogliono gestirseli".

Vedi anche Mondiale per club, è caos: il sindacato calciatori fa causa alla Fifa Calcio Mondiale per club, è caos: il sindacato calciatori fa causa alla Fifa

Dichiarazioni pesanti e importanti. Per Platini, del resto, tra dieci anni il calcio sarà completamente diverso. Più bello da vedere, forse, ma sicuramente anche meno romantico e affascinante di un tempo. "Ci sarà la Superlega e forse non ci saranno più né Fifa né Uefa, anche se penso che resteranno solo per gestire le associazioni nazionali e non i club - ha spiegato l'ex Roi -. Oggi non si può confondere il romanticismo con i fatturati. Il calcio è business, i giocatori sono delle imprese e i club dei marchi".

Vedi anche Superlega addio, la Juventus chiede di rientrare nell'Eca juventus Superlega addio, la Juventus chiede di rientrare nell'Eca

Considerazioni amare che, archiviate le accuse di corruzione, hanno convinto Platini a restare lontano dalle "stanze dei bottoni" del calcio e ad avviare il progetto di un museo sullo sport e l'immigrazione. "Mi piace recarmi in auto, in incognito con mia moglie in Italia, il Paese dei miei antenati, dove ci sono le mie radici - ha raccontato -. Il mio museo parlerà dell'immigrazione e del calcio e lo sport in generale, più che di integrazione: da piccolo nella mia Joeuf solo gli italiani giocavano a calcio".

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 commenti