LE INDAGINI

Morte Sala: calciatore e pilota esposti ad alte dosi di monossido di carbonio

Secondo gli inquirenti i due avrebbero potuto avere un attacco di cuore, convulsioni o perdita di coscienza

  • A
  • A
  • A

A quasi 7 mesi dalla morte di Emiliano Sala e del pilota David Ibbotson sono ancora oscure le cause e la dinamica che ha portato l’aereo sul quale viaggiava l'attaccante argentino ad inabissarsi nella Manica il 21 gennaio. Le indagini proseguono senza sosta e oggi la Air Accidents Investigation Branch (AAIB) che indaga ha rivelato nuovi dettagli. I test sul corpo dell'attaccante hanno rilevato livelli dannosi di monossido di carbonio nella cabina di pilotaggio, in dosi che possono provocare un attacco di cuore, convulsioni o perdita di coscienza.

 

Secondo gli inquirenti è probabile che anche il pilota David Ibbotson, il cui corpo non è stato ancora stato ritrovato, sia stato "parzialmente influenzato" dall'esposizione al monossido di carbonio. L'AAIB ha affermato che il gas può "ridurre o inibire la capacità di un pilota di pilotare un aereo a seconda del livello di tale esposizione".

"I livelli di monossido di carbonio pericolosamente elevati che sono stati trovati nel corpo di Emiliano sollevano molte domande da parte della famiglia - ha dichiarato Daniel Machover, legale della famiglia dello sfortunato calciatore -. Come è morto sarà determinato a tempo debito dall'inchiesta. La famiglia ritiene che sia necessario un esame tecnico dettagliato dell'aereo. La famiglia e il pubblico devono sapere come il monossido di carbonio sia stato in grado di entrare nella cabina. La futura sicurezza aerea si basa sul sapere il più possibile di questo problema".

Vedi anche Famiglia Sala, altra tragedia: morto il padre di Emiliano Calcio estero Famiglia Sala, altra tragedia: morto il padre di Emiliano

Vedi anche Morte Emiliano Sala, il Cardiff: "Non pagheremo un solo penny" Calcio estero Morte Emiliano Sala, il Cardiff: "Non pagheremo un solo penny"

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments