Morte Emiliano Sala, il Cardiff: "Non pagheremo un solo penny"

Continua lo scontro tra gli inglesi e il Nantes, la decisione alla Fifa

Sono passati ormai più di tre mesi dalla tragica scomparsa di Emiliano Sala, ma la querelle di mercato tra il Nantes e il Cardiff non accenna a placarsi. La morte dell'attaccante argentino per la caduta dell’aereo su cui viaggiava sopra il Canale della Manica continua a generare polemiche tra le due società, che stavano concludendo l'affare che avrebbe portato Sala in Galles per 15 milioni di sterline. Soldi che ora il Nantes pretende, ma che il Cardiff non ha alcuna intenzione di pagare.

Emiliano Sala, il saluto del mondo del calcio

  • Facebook
  • Twitter
  • Google+
  • LinkedIn

Il club di Premier League finora si è rifiutato di pagare, così il Nantes ha denunciato il fatto alla Fifa, che ha chiesto ai club i documenti dell'affare. Di recente, dopo che il presidente della Fifa, Gianni Infantino, aveva auspicato che le società risolvessero il caso tra loro, il Cardiff aveva proposto un incontro al Nantes, ma ora la situazione è precipitata e con ogni probabilità dovrà essere la Fifa a decidere.

Come riporta il Sun, il Cardiff avrebbe ribadito la sua posizione agli organi Fifa motivandola col fatto di non aver depositato alcun documento che attestasse ufficialmente di aver acquistato il calciatore, che non era ancora registrato come un giocatore di Premier. “Non pagheremo un solo penny” fanno sapere da Cardiff.

Completamente opposta invece la posizione del Nantes, che sostiene che la documentazione fosse completa e in linea con i regolamenti Fifa. "Il procedimento è in corso" fanno sapere dalla Fifa prima di aggiungere di non poter dare alcuna ulteriore dettaglio.

TAGS:
Calcio
Emiliano sala
Morte
Nantes
Cardiff
Fifa
Guerra
15 milioni

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X