INGHILTERRA

FA Cup: il City e l’Everton volano ai quarti, eliminato il Tottenham

I Citizens passano 3-1 a Swansea con Walker, Sterling e Gabriel Jesus, Ancelotti batte Mourinho dopo una rocambolesca ‘maratona': 5-4. Ok anche Leicester e Sheffield

  • A
  • A
  • A

Come da pronostico, il Manchester City vola ai quarti di finale di FA Cup, vincendo 3-1 sul campo dello Swansea con i gol di Walker (30’), Sterling (47’) e Gabriel Jesus (50’). Rocambolesco 5-4 dell’Everton sul Tottenham ai supplementari dopo un continuo botta e risposta: le reti di Calvert-Lewin, Richarlison (doppietta), Sigurdsson e Bernard prevalgono su quelle di Sanchez (doppietta), Lamela e Kane. Al turno successivo anche Leicester e Sheffield.

EVERTON-TOTTENHAM 5-4 dts
Al confronto, Italia-Germania del 1970 potrebbe passare come una partita noiosa. Eppure i nove gol del Goodison Park regalano, dopo 120 minuti di battaglia, i quarti di finale all’Everton di Ancelotti ai danni del Tottenham. Ottimo inizio degli ospiti. Bergwijn pennella per la testa di Lamela che trova però la risposta di Olsen; sulla respinta dell’ex Roma arriva Moura che ci prova, senza centrare lo specchio. Al 4’, ecco servito lo 0-1: sugli sviluppi di un corner battuto da Son, Davinson Sanchez colpisce di testa e supera imparabilmente Olsen. La prima grande azione dei padroni di casa vede un’azione avvolgente conclusa con un tiro dalla distanza di Godfrey, respinto da Lloris; poco dopo Calvert-Lewin colpisce il palo sul traversone di Digne. Sul fronte opposto, Son libera il destro ma trova la pronta risposta del portiere avversario, ma al 36’ Calvert-Lewin pareggia i conti: i Toffees recuperano il pallone dopo un errore in costruzione della formazione di Mourinho, la sfera arriva al bomber inglese, che sorprende un Lloris non impeccabile. Passano due minuti e gli Spurs vengono ribaltati: Calvert-Lewin serve con una magia di tacco Richarlison, che libera il destro e trova l’angolino basso. Al 43’ arriva addirittura il 3-1: Hojbjerg sgambetta Calvert-Lewin e l’arbitro assegna il rigore, trasformato poi da Sigurdsson. Allo scadere del primo tempo Lamela riapre nuovamente il match con una conclusione chirurgica e al 57’ Sanchez realizza il 3-3 ancora sugli sviluppi di un calcio d’angolo. Non c’è un attimo di respiro, perché al 68’ Sigurdsson vede e trova in profondità Richarlison, che libera il sinistro e trova il secondo palo. Non è finita: all’83’ Son riconquista la sfera e con un cross perfetto trova la testa di Kane, che in tuffo supera Olsen. Pazzesco 4-4. All’inizio dei supplementari Sigurdsson danza sul pallone e scucchiaia in maniera deliziosa per Bernard che, tutto solo, porta in vantaggio i suoi. È la rete decide una sfida a dir poco palpitante.

SWANSEA-MANCHESTER CITY 1-3
Ancora un 3-1 in FA Cup per il Manchester City dopo quello rifilato al Cheltenham nei sedicesimi. A cedere il passo a Guardiola, stavolta, è lo Swansea, terzo in Championship e a -2 dalla zona promozione. Al Liberty Stadium, la prima occasione per i Citizens arriva dopo un quarto d'ora con il destro in area di Gabriel Jesus su cross di Mendy, mentre due minuti dopo Laporte sfiora l'1-0 con un colpo di testa da corner. Il dominio ospite non accenna a interrompersi: al 22', Woodman è miracoloso nel togliere dalla porta il diagonale destro di Ferran Torres. Sette minuti dopo, però, la partita si sblocca grazie al tiro-cross di Walker, con Ferran Torres che prova la deviazione e, di fatto, inganna il portiere dei padroni di casa. Nella ripresa, passano appena 72 secondi e il City raddoppia: filtrante di Rodri per Sterling, che solo davanti a Woodman non sbaglia. Tre minuti dopo, ecco il tris di Gabriel Jesus, che controlla in area sulla sponda di testa di Bernardo Silva e insacca: il match, di fatto, si chiude con la rete del brasiliano. Guardiola ne approfitta così per far rifiatare i big (sabato, in Premier, ci sarà la sfida al Tottenham di Mourinho), togliendo Sterling, Gunogan, Bernardo Silva e Rodri. Al 77', arriva anche il gol della bandiera per lo Swansea: cross di Manning, controllo perfetto e sinistro angolato di Whittaker, che accorcia le distanze. Si tratta, però, soltanto di un episodio isolato: il City controlla nei minuti finali e porta a casa un meritato successo che spalanca le porte dei quarti di finale a Guardiola, arrivato a quindici vittorie di fila tra Premier, Carabao Cup ed FA Cup.

LEICESTER-BRIGHTON 1-0
Il Leicester è costretto ad aspettare il quinto minuto di recupero dei tempi regolamentari per riuscire a piegare tra le mura amiche il Brighton 1-0. Dopo un gol annullato per fuorigioco all’ex romanista Under, è Zeqiri a sfiorare il gol del vantaggio per gli ospiti dopo avere bruciato in velocità il suo diretto marcatore con uno scatto. Anche lo stesso Under va vicinissimo al gol vittoria nel finale di match, prima che Iheanacho spedisca a pochissimi secondi dal triplice fischio finale il colpo di testa che vale il passaggio del turno.

SHEFFIELD UNITED-BRISTOL CITY 1-0
Allo Sheffield United basta e avanza la rete messa a segno da Sharp su rigore per avere la meglio del Bristol City e qualificarsi così ai quarti di finale di FA Cup. L’episodio chiave avviene al 67’: Mawson salva sulla linea con la mano un tiro a colpo sicuro di Lundstram. Inevitabile (dopo il richiamo del Var) la concessione del rigore per i padroni di casa e la conseguente espulsione del difensore; il numero 10 delle Blades trasforma dagli undici metri e regala la vittoria alla formazione di Wilder. 

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments