Euro U21, Italia ancora in corsa

Ai tedeschi basta l'1-1 con l'Austria. La Danimarca batte 2-0 la Serbia: la Var annulla il 3-0 che avrebbe eliminato gli Azzurrini

  • A
  • A
  • A

La Germania è in semifinale negli Europei Under 21. Ai tedeschi basta l'1-1 con l'Austria per chiudere primi il gruppo B. Al vantaggio di Waldschmidt risponde il rigore di Danso. Austria eliminata così come la Danimarca, a cui non serve il 2-0 sulla Serbia. La Var toglie il tris agli scandinavi, che con un'altra rete avrebbero eliminato l'Italia nella corsa come migliore seconda: gli Azzurrini sperano ora in un risultato favorevole tra Romania e Francia.

AUSTRIA-GERMANIA 1-1
A Udine va in scena un derby frizzante, acceso dalla circostanza che vuole l'Austria obbligata a vincere se vuole le semifinali. Alla Germania basta un pareggio ma i campioni in carica per natura non giocano per speculare. Dopo 10 minuti di studio, in cui prevale la fase di non possesso, la squadra di Kuntz avanza lentamente il baricentro e punta a far male tra le linee, con la tecnica (e i piedi) di Richter e Waldschmidt. Il trequartista del Friburgo trova al 14' il quinto centro nell'Europeo con un sinistro fantastico dai 30 metri, un bolide all'incrocio che si candida di diritto a essere il gol più bello della manifestazione. L'Austria non sta certo a guardare e dopo un inizio balbettante sale con coraggio alla ricerca del pareggio. È un gioco diretto, verticale e con pochi franzoli, quello di Gregoritsch. Anche efficace, perché Schlager è un motorino infaticabile sulla fascia, Kalajdzic mette in difficoltà costantemente la coppia centrale avversaria Tah-Baumgartl, Friedl he piedi molto educati per essere un terzino. Passano dieci minuti dallo svantaggio, e l'Austria trova l'1-1: Danso su calcio di rigore batte Nubel, che aveva provocato il penalty con un intervento pericoloso a gamba alta su Kalajdzic. Sulle ali dell'entusiasmo, gli austriaci vanno a un soffio dal 2-1, ma Nubel sfodera una parata sensazionale su un colpo di testa di Kalajdzic, poi prega perché una sua uscita totalmente sbagliata non venga punita da quest'ultimo. Il palo lo salva. Si va al riposo sul risultato di parità. È ancora più Austria che Germania nel secondo tempo. Al 58' un'indecisione di Tah lancia in porta Balic, Nubel torna super e si oppone con la gamba. Ci prova da lontano anche Schlager, la cui conclusione è ribattuta. La Germania prova a pungere con Amiri, prima in contropiede e poi con una bella punizione finita sull'esterno della rete, poi resiste senza particolari patemi. L'1-1 qualifica la squadra di Kuntz come prima nel girone B, l'Austria è eliminata ma non si può dire che abbia sfigurato in questo Europeo.

DANIMARCA-SERBIA 2-0
Al Nereo Rocco di Trieste giocano Danimarca e Serbia, ma è come se anche l'Italia fosse in campo. Una vittoria dei danesi con tre reti di scarto eliminerebbe infatti gli Azzurrini senza nemmeno dover aspettare Romania-Francia del gruppo C. Scenario non impossibile, perché la Serbia è già fuori dal torneo. Il ct Goran Djorovic non aiuta certo a sperare, lascia in panchina i migliori, tra cui Luka Jovic. Non giocano nemmeno gli “italiani” Radunovic e Milenkovic, c'è invece il granata Sasa Lukic, capitano di serata. Gli scandinavi fanno da subito la partita e vanno vicini al vantaggio con Skov Olsen e Kristensen, prima di trovarlo al 21' con Bruun Larsen che, imbeccato da Maehle, apre il piattone in area e centra il secondo palo. Finisce sull'1-0 il primo tempo, ma nella ripresa bastano sei minuti per raddoppiare. Stavolta Bruun Larsen veste i panni dell'uomo assist e, complice qualche svirgolata in area, l'empolese Rasmussen mette in rete il pallone del 2-0. L'Italia trema, con un altro gol danese sarebbe fuori. Il tris arriverebbe poco dopo, ma sulla traiettoria del tiro di Olsen c'è Billing in fuorigioco attivo (e per terra). L'arbitro Kulbakov viene chiamato alla Var e annulla. Di Biagio e gli Azzurrini tirano un sospiro di sollievo, ma devono soffrire ancora perché la Danimarca non si arrende e cerca con impeto il tris. Anche se questo vuol dire esporsi al contropiede serbo: Terzic è molto pericoloso, Adzic prende la traversa in ripartenza. Nei minuti di recupero ci provano Skov su punizione e Kristensen che tira a lato. Ma non basta. La Danimarca è eliminata, l'Italia vive un giorno in più. In attesa di Romania-Francia: un pareggio eliminerebbe la Nazionale, la vittoria romena darebbe la semifinale all'Italia. Andrebbe bene anche un successo transalpino, a patto che avvenga con almeno tre gol di scarto.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments