Confederations Cup, mancato utilizzo VAR su netto rigore per il Cile

Polemiche: il calcio di rigore era netto, l'arbitro non avvisato dagli assistenti video

Confederations Cup, mancato utilizzo VAR su netto rigore per il Cile

La credibilità dell'utilizzo del VAR ha subito un brutto colpo durante la semifinale di Confederations Cup tra Cile e Portogallo. Nei minuti finali del secondo tempo supplementare alla nazionale cilena è stato negato un rigore solare per un fallo di José Fonte su Francisco Silva. Un contatto non ravvisato dall'arbitro iraniano Alireza Faghani, che ha assegnato una rimessa dal fondo. Il vero problema, però, è proprio il mancato intervento degli arbitri deputati al controllo video: l'uzbeko Irmatov e Alshalwai (Arabia Saudita) non hanno comunicato nulla al direttore di gara.

Un'eventualità che la Fifa dovrebbe quantomeno chiarire, dal momento che il contatto Fonte-Silva si configura proprio come uno dei casi classici di intervento del Video Assistant Referee. Nella apposita saletta di controllo gli assistenti video hanno modo di rivedere le azioni dubbie e informare via auricolare l'arbitro. E bastava visionare un replay per accorgersi che era calcio di rigore per il Cile. Da manuale Fifa l'arbitro di campo, dopo che viene informato via auricolare, può decidere se accettare la decisione degli assistenti video o se visionare direttamente a bordocampo l'episodio su un monitor. Ma è mancata proprio la comunicazione e la situazione ha fatto piovere tantissime polemiche.

TAGS:
Var
Portogallo
Cile

Argomenti Correlati

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X