Arsenal: caso Ozil, videogame possibile causa dell'infortunio

Il trequartista passa ore davanti alla console, i tempi di recupero rischiano di allungarsi

Arsenal: caso Ozil, videogame possibile causa dell'infortunio

Mesut Ozil non indossa i suoi scarpini dal 5 ottobre scorso, tormentato da problemi alla schiena che lo obbligano a stare fermo. Durante il periodo dell'infortunio, il fantasista dell'Arsenal ha sviluppato un grande interesse nei videogiochi. Secondo la stampa tedesca e inglese, Ozil passerebbe una media di cinque ore al giorno davanti alla console, una dipendenza che potrebbe ritardare il suo ritorno in campo.

Il trequartista ha aperto il suo canale Twitch, una piattaforma che consente di pubblicare video in diretta streaming, il 10 ottobre, cinque giorni dopo il suo infortunio. Sul suo canale è possibile vedere il tedesco mentre gioca a Fortnite, videogioco diventato virale qualche mese fa. Il Daily Star ha verificato attraverso il portale 'Wasted on Fortnite', che Ozil ha accumulato la bellezza di 5.221 partite nell'ultimo periodo.

La strana vicenda del giocatore dell'Arsenal potrebbe essere il primo caso di infortunio da videogiochi nella storia del calcio. Il primo? No! Nel 2005 anche Nesta è rimasto vittima del joypad, accusando dolori al polso e alla mano. Ben più recente la notizia della dipendenza di Ousmane Dembélé, che per qualche partita virtuale di troppo era sprofondato ai margini della rosa del Barcellona.

TAGS:
Ozil
Arsenal
Premier League
Infortunio
Videogame

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X