VERSO ATALANTA-INTER

Atalanta, Gasperini sogna il secondo posto: "Arrivare davanti all'Inter sarebbe un grande risultato"

Il tecnico dei bergamaschi: "Non pensiamo al Psg, ma a finire alla grande il campionato"

  • A
  • A
  • A

Testa all'Inter, al secondo posto che sarebbe storico in Serie A e non al Psg. Gian Piero Gasperini pensa a una cosa alla volta: "Alla Champions penseremo dopo, adesso c'è da chiudere il campionato - ha commentato il tecnico sognando il sorpasso della sua Atalanta sull'Inter nello scontro diretto di Bergamo, ultima fatica di campionato prima di concentrarsi sul Psg - ".Tanti verdetti sono stati pronunciati, per il secondo posto invece è un finale avvincente", osserva il tecnico dei bergamaschi, chiedendo ai suoi l'ultimo sforzo.

Il secondo posto sarebbe un traguardo storico per l'Atalanta, inaspettato anche per lo stesso Gasperini stando alle parole del tecnico alla vigilia dello scontro diretto in casa contro l'Inter, attuale seconda forza del campionato: "Finalmente siamo arrivati all'ultima gara - ha commentato il tecnico degli orobici -, alla ripresa ci guardavamo alle spalle da Napoli e Roma e l'obiettivo era arrivare ancora in Champions perché Lazio e Inter erano molto distanti. Invece siamo riusciti subito a fare una serie di vittorie che ci danno l'opportunità di finire bene".

All'orizzonte ci sono gli impegni europei delle due squadre, l'Atalanta in Champions contro il Psg e l'Inter con il Getafe: "Ci teniamo a fare bene in Europa e questa partita può essere vista in preparazione di quelle sfide, ma ci teniamo a fare bene. Peccato per tutti non avere avuto il pubblico, avremmo avuto un seguito incredibile come fino a marzo. Questo è il dispiacere più grande".

Sul voto al campionato dell'Atalanta Gasperini non ha dubbi: "Difficile non dare 10. Abbiamo fatto tanti risultati con questa continuità e con tutti i record che abbiamo ottenuto, ma nel calcio non puoi guardare indietro. Dobbiamo concentrarci per fare una bella partita contro l'Inter, che è una squadra indubbiamente forte. Riuscire ad arrivare davanti sarebbe un risultato prestigioso".

La crescita è arrivata nella continuità: "Mi ha stupito così come la testa di tutti i giocatori. Siamo stati professionali e bravi a non avere infortuni, siamo in buona condizione anche grazie ai cinque cambi che all'inizio non amavo. Dopo l'Inter penseremo alla Champions".

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments