Nba, tornado Houston: Minnesota spazzata via

I Rockets stendono i T'Wolves grazie a un clamoroso terzo quarto da 50 punti segnati. Vince anche Utah che spinge Oklahoma sull'orlo del precipizio

  • A
  • A
  • A

Con un terzo periodo da urlo (50 punti segnati) gli Houston Rockets violano il parquet dei Minnesota Timberwolves (119-100) e si portano 3-1 nella serie. James Harden e Chris Paul trascinano la squadra di Mike D'Antoni che adesso è vicinissima al passaggio del turno. Obiettivo poco distante anche per gli Utah Jazz che, grazie a un ottimo Donovan Mitchell, sfruttano il fattore campo e piegano ancora Oklahoma (113-96).

HOUSTON ROCKETS - MINNESOTA TIMBERWOLVES 119-100 (3-1)
Houston passa al Target Center di Minneapolis e si porta a una sola vittoria dal passaggio del turno a Ovest. Adesso la serie ritorna in Texas, nella notte tra mercoledì e giovedì i Rockets potranno sfruttare davanti al pubblico amico il primo dei tre match point a disposizione. Con Minnesota la gara è in totale equilibrio fino all'intervallo lungo (50-49) ma poi, nel solo terzo periodo, la squadra di Mike D'Antoni segna gli stessi punti messi a referto nei precedenti due quarti e scappa via. Il parziale di 50-20 di fatto uccide la partita con Houston che tocca il massimo vantaggio (+35) a inizio quarta frazione, prima di subire l'ininfluente break dei T'Wolves che riducono il gap fino al +19 conclusivo. Grandi protagonisti in casa Rockets sono i soliti James Harden e Chris Paul: il primo parte male (0/7  dal campo in avvio), ma poi si accende all'improvviso e segna nel terzo periodo 22 dei suoi 36 punti. L'ex Clippers lo segue a ruota con i suoi 25 con 6 rimbalzi e altrettanti assist. Bene anche Capela (14+17 rimbalzi) e Eric Gordon che ne fa 18 in uscita dalla panchina. A Minnesota non bastano i 22 (con 15 rimbalzi) di Karl Anthony Towns, ai quali si aggiungono i 19 punti di Jimmy Butler e i 17 di un nuovamente positivo Derrick Rose.

UTAH JAZZ - OKLAHOMA CITY THUNDER 113-96 (3-1)
Punto di svolta nella serie tra Utah e Oklahoma: i Jazz sfruttano ancora il fattore campo e vincono con merito gara-4 portandosi sul 3-1. Ora i Thunder non possono più sbagliare e servono tre vittorie consecutive (la prima tra mercoledì è giovedì) per evitare l'eliminazione. A Salt Lake City va in scena una gara dai due volti. In avvio meglio Oklahoma ma poco prima dell'intervallo lungo Utah passa a condurre e nella seconda meta di partita mette in cassaforte il risultato trascinata da uno strepitoso Donovan Mitchell. A fine match sono 33 i punti del numero 45. Nessun rookie, ad eccezione di Michael Jordan, aveva segnato così tanto nelle prime quattro partite di playoff. Per coach Snyder c'è un intero quintetto in doppia cifra con Ingles che ne fa 20 e Rudy Gobert 16 con 10 rimbalzi. Sono 13 i punti per Derrick Favors e Ricky Rubio ma nella gara dello spagnolo ci sono pure 8 assist e 6 rimbalzi. In uscita dalla panchina 10 punti e 9 rimbalzi per Royce O'Neale mentre Jae Crowder (6 punti) si fa espellere nel momento di maggior nervosismo della sfida (quarto periodo) per una gomitata a Steven Adams. Dall'altro lato Paul George ne fa 32 e Russell Westbrook 23 con 14 rimbalzi, ma non sono sufficienti nemmeno sommati agli 11 di Carmelo Anthony e ai 10 di Alex Abrines.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 commenti