Tour, i contadini bloccano la corsa: la polizia usa lacrimogeni e spray al peperoncino

I corridori fermati da un blocco con trattori e balle di fieno. Intanto la direzione vieta i fumogeni: pene salatissime

Tour, i contadini bloccano la corsa: la polizia usa lacrimogeni e spray al peperoncino

Non c'è pace per il Tour de France. Durante la 16esima tappa da Carcassonne a Bagneres-de-Luchon il gruppo è stato costretto ad uno stop forzato al 28esimo chilometro a causa di alcuni contadini che protestavano e che hanno invaso la carreggiata con trattori e balle di fieno. La polizia, per disperdere i manifestanti, ha utilizzato i lacrimogeni e spray al peperoncino. Ma anche i corridori hanno patito gli effetti del gas e si sono dovuti riparare e lavare la faccia prima di poter ripartire. La direzione corsa ha quindi neutralizzato la tappa per 3 km, nei quali il gruppo è stato scortato dalla gendarmeria prima di riprendere regolarmente la corsa.

  • Facebook
  • Twitter
  • Google+
  • LinkedIn

Tour de France, protesta dei contadini: gruppo bloccato, partono i lacrimogeni

A 190 chilometri dall'arrivo della 16/a tappa del Tour de France di ciclismo, in corso fra Carcassonne e Bagnéres de Luchon e lunga 218 chilometri, una protesta di sedicenti agricoltori ha fermato la corsa. È dovuta intervenire la gendermerie per disperdere i manifestanti, che avevano occupato la sede stradale con delle balle di paglia. Uno di loro sarebbe stato fermato dalle forze dell'ordine. Non si riesce bene a capire il motivo della protesta. I corridori, dopo alcuni minuti di caos, si sono accodati all'auto del direttore di corsa, Christian Prudhomme, quindi hanno ripreso il cammino liberamente dopo esserci ricompattati. Secondo notizie giunte dalla corsa i poliziotti hanno usato anche gas lacrimogeni per disperdere i facinorosi. La corsa è stata neutralizzata per 3 chilometri.

>

STOP AI FUMOGENI, CARCERE PER CHI FA CADERE I CICLISTI

Si tratta dell'ennesimo episodio che ha messo a repentaglio la sicurezza dei corridori in questo Tour tanto che gli organizzatori hanno deciso di intervenire con mano pesante. L'annuncio sul profilo Twitter: un'ammenda e il carcere sono i rischi per chi d'ora in avanti adotterà comportamenti incivili. In particolare, fino a un anno per chi utilizzerà fumogeni al passaggio della corsa e fino a tre anni per chi disturberà i corridori con atteggiamenti che potrebbero provocare incidenti. Un provvedimento drastico ma necessario soprattutto dopo le scene vissute sull'Alpe d'Huez che hanno portato alla caduta di Vincenzo Nibali e al conseguente ritiro.

Il direttore dell'organizzazione Christian Prudhomme ha trovato un accordo con le prefetture dei dipartimenti interessati al passaggio della corsa nelle prossime tappe in modo da garantire maggiore sicurezza e sperare di prevenire e bloccare questa moda assurda e pericolosa.

TAGS:
CICLSIMO
TOUR DE FRANCE

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X