Doping: Russia, prime ammissioni

La Federazione di atletica leggera: "D'accordo con alcune accuse nei nostri confronti, su altre no"

Laboratorio Antidoping (Afp)

Dopo il report durissimo da parte di una commissione della Wada sull'atletica russa e la gestione dell'antidoping, dalla Russia arrivano le prime ammissioni. "Noi siamo d'accordo con alcune accuse nei nostri confronti, su altre no e qualcosa non è più attuale perché è già stato corretto da tempo" ha dichiarato il presidente ad interim della Federazione di atletica leggera, Vadim Zelicenok.

Dalla Russia arrivano dunque i primi segnali di cooperazione. Dal canto suo, il ministro dello Sport Vitaly Mutko, ha annunciato che non verranno boicottati i Giochi Olimpici del 2016. "Oggi abbiamo già il nuovo direttore del laboratorio antidoping. Cosa dobbiamo fare? Mostrateci una 'roadmap'. Posso assicurare che, agendo in cooperazione con le organizzazioni internazionali, siamo pronti a dare una nuova certificazione a tutti i nostri servizi. Ma non intendiamo boicottare le Olimpiadi di Rio, restiamo un partner affidabile del movimento olimpico internazionale" ha spiegato Mutko commentando la decisione che verrà presa domani su un'eventuale temporanea esclusione del team russo di atletica leggera dall'Unione internazionale. "E' ridicolo affermare che discolpiamo gli sportivi quando contemporaneamente spendiamo miliardi di rubli nella lotta antidoping – ha aggiunto -. Difenderemo l'onore di tutti quegli atleti che non sono stati trovati positivi".

TAGS:
Russia
Doping
Federazione atletica
Vadim Zelicenok

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X