MotoGP, Spielberg: Iannone riporta la Ducati al successo

Storica doppietta con Dovizioso, anche Lorenzo sul podio

di NICCOLO' DE CAROLIS

Nel GP d'Austria la Ducati riesce a interrompere un digiuno di vittorie che durava da sei anni. Andrea Iannone regala il successo alla scuderia italiana e si regala la prima vittoria in MotoGP. Giornata tutta in rosso grazie anche al secondo posto di Andrea Dovizioso che chiude subito dietro il compagno di squadra. Staccate di circa 3 secondi le due Yamaha, con Jorge Lorenzo che vince il duello con Valentino Rossi. Marquez in difficoltà chiude quinto (+11").

ZoomDisattiva slideshow
Foto 1

AFP

Foto 2

AFP

Foto 3

AFP

Foto 4

AFP

Foto 5

AFP

Foto 6

AFP

Foto 7

AFP

Foto 8

AFP

Foto 9

AFP

Foto 10

AFP

Foto 11

AFP

Foto 12

AFP

Foto 13

AFP

Foto 14

AFP

Foto 15

AFP

Foto 16

AFP

Foto 17

AFP

Foto 18

AFP

Foto 19

AFP

Foto 20

AFP

Foto 21

AFP

Foto 22

AFP

Foto 23

AFP

Foto 24

AFP

Foto 25

AFP

Foto 26

AFP

Foto 27

AFP

Foto 28

AFP

Foto 29

AFP

Foto 30

AFP

Foto 31

AFP

Foto 32

AFP

Foto 33

AFP

Foto 34

AFP

Foto 35

AFP

Foto 36

AFP

Foto 37

AFP

Foto 38

AFP

Foto 39

AFP

Foto 40

AFP

Foto 41

AFP

Foto 42

AFP

Foto 43

AFP

Foto 44

AFP

Foto 45

AFP

Foto 46

AFP

Foto 47

AFP

Foto 48

AFP

Foto 49

AFP

Foto 50

AFP

Foto 51

AFP

Foto 52

AFP

Foto 53

AFP

Foto 54

AFP

Foto 55

AFP

Foto 56

AFP

Foto 57

AFP

Foto 58

AFP

Foto 59

AFP

Foto 60

AFP

Foto 61

AFP

Foto 62

AFP

Foto 63

AFP

Foto 64

AFP

Foto 65
Foto 66
Foto 67
Foto 68
Foto 69
Foto 70

Stavolta non c'è stato bluff, non ci sono stati proclami smentiti o attese deluse. La Ducati a inizio Gran Premio era data come grande favorita su questo circuito, velocissimo condito con poche curve, e alla fine è riuscita a piazzare entrambe le moto davanti a tutti. Le Yamaha ci hanno provato, ma la superiorità rossa è venuta fuori alla distanza, nell'ultimo terzo di gara le M1 hanno dovuto cedere al ritmo delle rosse. L'altra notizia positiva per la casa di Borgo Panigale è che il calo delle gomme, che spesso ha condizionato le prestazioni delle Ducati, questa volta non c'è stato. Il miglior giro l'ha siglato Iannone a quattro tornate dal termine.

Il numero 29, che lascerà la scuderia italiana a fine anno, ha mostrato di essere qui il pilota forte al Red Bull Ring mettendo a segno pole, giro veloce e vittoria finale. Sotto lo sguardo affettuoso di Belen Rodriguez, il pilota abruzzese ha mostrato che quando è concentrato può ottenere grandi risultati perché la velocità certo non gli manca. Dovizioso ha passato in testa la parte centrale di gara, è rimasto attaccato al compagno fino alla fine, ma si è dovuto arrendere. L'altra notizia di giornata è la resurrezione di Jorge Lorenzo, dopo tre weekend in cui aveva raccolto sette miseri punti. Lo spagnolo può sorridere per due motivi, da un lato ha visto la sua futura moto andare davvero veloce, dall'altra è riuscito un po' a sorpresa a battere il suo compagno Rossi, più veloce di lui sia venerdì che sabato.

Valentino era consapevole che le Ducati ne avevano di più, ma finire dietro Lorenzo è una mezza sconfitta. Il pesarese commette un paio di lunghi nei primi giri permettendo a Lorenzo di stargli davanti. Da lì in poi il Dottore non perderà mai terreno da Jorge ma non avrà mai abbastanza forza per tentare un attacco. Il campionato respirà un po' grazie al quinto posto (con distacco) di Marquez, rimasto attaccato ai primi solo per 12 giri. Lo spagnolo ha però dalla sua diverse scusanti: aver saltato tutte le libere 3, la botta alla spalla e una moto che si conferma inferiore alle Yamaha. Per questo soprende ancora di più vedere il suo distacco dagli inseguitori. Lorenzo guadagna cinque punti e ora è a -43, mentre Valentino ne rosicchia solo due (-57).

TAGS:
MotoGP
Austria
Yamaha
Honda
Ducati
Rossi
Lorenzo
Marquez

Argomenti Correlati

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X