Niente Napoli, per ora. Ma a giugno... Felipe Anderson è finito nel mirino di AdL

Il brasiliano, dopo aver rotto con Inzaghi, salta la sfida del San Paolo. In estate lascerà la Lazio, AdL ci pensa

Niente Napoli, per ora. Ma a giugno... Felipe Anderson è finito nel mirino di AdL

Il litigio tra Simone Inzaghi e Felipe Anderson potrebbe portare il brasiliano lontano dalla Lazio a giugno. Anzi, il condizionale può essere pure tolto: la rottura, per come si è consumata, è infatti difficilmente sanabile e a meno di miracoli è impensabile che tecnico e giocatore continuino a lavorare assieme. Nell'immediato Felipe salterà la trasferta di Napoli, poi per quieto vivere la frattura verrà temporaneamente ricomposta, ma a giugno tanti saluti.

E allora proprio Napoli e il Napoli potrebbero rappresentare la nuova meta e la nuova squadra del brasiliano. Le sue doti tecniche non si discutono, come esterno d'attacco piace a Sarri ed è gradito al presidente De Laurentiis che già in passato aveva sondato il terreno con il collega biancoceleste Lotito.

Solo che allora le rischieste del patron laziale erano state considerate esorbitanti (tre anni fa per Felipe venne rifiutata anche un'offerta di 50 milioni del Manchester United), ora le basi per una trattativa sono sicuramente diverse e più favorevoli per gli acquirenti interessati. Insomma, De Laurentiis ci ripensa e Lotito pure.

TAGS:
Napoli
Lazio
Felipe Anderson
Lotito
De Laurentiis

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X