SportMediaset

Serie A, Berardi e Defrel lanciano il Sassuolo: Lazio ko

Bella prova dei neroverdi, che si confermano al settimo posto. Europa lontana per i biancocelesti

di STEFANO FIORE

Il Sassuolo vince all'Olimpico con le reti di Berardi e Defrel, si conferma al settimo posto e tiene lontana in classifica la Lazio. Bella prova degli uomini di Di Francesco, in gol al 41' del primo tempo con il rigore di Berardi, al 22' della ripresa il sinistro di Defrel chiude la partita. Biancocelesti fermati dalle parate di Consigli ma sottotono per tutto l'arco della partita: l'Europa è sempre più lontana.

LA PARTITA

Il Sassuolo della bestia nera Berardi si prende sei punti nel doppio confronto con la Lazio, che in compenso nelle ultime sei partite ha fatto cinque gol contro il Verona e zero nelle altre. Qualcosa di misterioso c'è nella squadra di Pioli, tanto efficace in Europa League quanto discontinua in campionato. La stanchezza dell'impegno di giovedì unita al campo reso pesante dalla pioggia e alle tante assenze (in extremis quelle di Marchetti e Matri) sono una scusante che spiega solo parte di questo insuccesso. Perché il Sassuolo, passato lo shock iniziale, ha tenuto meglio il campo, è andato più volte vicino al terzo gol e in più in generale si è meritato vittoria e settima posizione. La strada per l'Europa, a questo punto, dipende ancor di più da come andrà contro lo Sparta Praga fino a tentare la strada verso la finale

Hai voglia a schierare due 4-3-3 offensivi, la classe di Felipe Anderson e Berardi, lottare per il settimo posto quando poi in campo la palla va dove vuole. La prima mezz'ora del match è prevedibilmente influenzata dalle condizioni del terreno di gioco, anche se la Lazio si cala meglio nella parte. Meno ricami e tocchi di fino, più contrasti e forza fisica tanto che Damato ha il suo bel da fare a tenere calmi gli animi. Tra errori e falli, i biancocelesti sfondano meglio sulle fasce perché i centrocampisti del Sassuolo stringono troppo in mezzo ma Klose non riesce nella stoccata di testa sugli assist di Felipe Anderson e Candreva. Con la pioggia che cala fino a smettere, i neroverdi crescono, trainati dagli strappi di Duncan e dalla verve di Berardi. Proprio il 25 ospite sblocca il match su rigore al 41', quarta rete in quattro partite contro la Lazio. Viste le difficoltà di palleggio, solo un errore individuale poteva rompere l'equilibrio e purtroppo per Pioli arriva dal "solito" Mauricio che entra da dietro su Defrel, spalle alla porta e lontano da Berisha. Insomma, un fallo sciagurato. Parolo ha sulla testa la palla dell'immediato pareggio ma finisce di poco a lato di Consigli.

Pioli aspetta un quarto d'ora prima di cambiare qualcosa, un quarto d'ora tutto a vantaggio del Sassuolo che nella ripresa ha il merito di non cambiare atteggiamento. Con un Magnanelli più combattivo che mai (pure troppo, visto che rischia il secondo giallo un paio di volte), le combinazioni Defrel-Berardi mettono in seria difficoltà la coppia Mauricio-Bisevac. Un liscio del brasiliano, al 16', lascia Berardi tutto solo contro Berisha che riesce a metterci una pezza. Con Keita, il 4-2-3-1 laziale sembra più vivace ma lascia comunque il fianco alle ripartenze degli emiliani, da una di queste nasce il raddoppio con Sansone che serve alla grande Defrel, perso dai centrali: quarto gol nelle ultime quattro partite. Il Sassuolo si vede annullare il terzo gol per un fuorigioco dubbio di Sansone su tocco di Duncan, Defrel si mangia la doppietta persona non sfruttando un regalo di Berisha mentre la Lazio si vede solo per un destro di Djordjevic stoppato da Consigli. Con le squadre stanche, i ritmi si abbassano e ancora una volta è il Sassuolo a gestire meglio la partita nel silenzio irreale di un Olimpico sempre meno vicino alle cose biancocelesti.

LE PAGELLE

Berisha 6 Fa e disfa. Rischia clamorosi errori ma poi rimedia. Incolpevole sui gol
Mauricio 4 Sembrava in ripresa, è ricaduto in una delle prestazioni orrende di inizio stagione. Insicuro, impreciso, sbaglia quasi tutto
Candreva 6 Degli offensivi laziali è il migliore, pur non facendo cose clamorose
Consigli 6,5 Nessuna parata da mani nei capelli ma interventi puntuali e sicuri, per la tranquillità della retroguardia
Duncan 7 Gli manca solo il gol, prestazione monstre per quantità: il migliore del centrocampo del Sassuolo
Defrel 7 Mezzo voto in più del compagno Berardi perché lavora meglio per la squadra, è in un grande momento di forma

IL TABELLINO

LAZIO-SASSUOLO 0-2
Lazio (4-3-3): Berisha 6; Konko 6,5, Mauricio 4, Bisevac 5, Lulic 5,5; Milinkovic-Savic 5,5, Biglia 6, Parolo 5 (18' st Keita 6); Candreva 6, Klose 5 (31' st Djordjevic 5), F. Anderson 5,5 (31' st Mauri 5,5). A disp.: Guerrieri, Hoetd, Braafheid, Patric, Morrison, Kishna, Cataldi. All.: Pioli 5
Sassuolo (4-3-3): Consigli 6,5; Vrsaljko 6, Cannavaro 6, Acerbi 6, Peluso 6; Biondini 5,5 (41' st Pellegrini sv), Magnanelli 6, Duncan 7; Berardi 6,5, Defrel 7 (37' st Trotta sv), Sansone 5,5 (30' st Politano 6). A disp.: Pegolo, Pomini, Gazzola, Antei, Longhi, Terranova, Broh, Falcinelli. All.: Di Francesco 6,5
Arbitro: Damato
Marcatori: 41' rig. Berardi, 22' st Defrel
Ammoniti: Mauricio (L), Magnanelli, Consigli (S)
Espulsi: -

TAGS:
Calcio
Serie A
Lazio
Sassuolo