Basket, Final Eight 2016: digiuno finito, Milano è campione

Al Forum finisce 82-76 per l'Olimpia, che piega Avellino e ritorna a vincere la Coppa Italia dopo vent'anni. Mvp l'ex Sassari Rakim Sanders

Lapresse

La cocente sconfitta di un anno fa contro Sassari rimane chiusa nel cassetto dei ricordi. Milano è costretta invece a riaprire la bacheca dei trofei per fare posto alla quinta Coppa Italia della propria storia, vinta al termine delle Final Eight 2016. Ad arrendersi in finale è Avellino, schiacciata dalla prestazione del MVP Rakim Sanders. Il tabellone del Forum dice 82-76 per l'Olimpia: è il secondo titolo dell'era Armani.

ZoomDisattiva slideshow
Foto 1

Lapresse

Foto 2

Lapresse

Foto 3

Lapresse

Foto 4

Lapresse

Foto 5

Lapresse

Foto 6

Lapresse

Foto 7

Lapresse

Foto 8

Lapresse

Foto 9

Lapresse

Foto 10

Lapresse

Foto 11

Lapresse

Foto 12

Lapresse

Foto 13

Lapresse

Foto 14

Lapresse

Foto 15

Lapresse

Foto 16

Lapresse

Foto 17

Lapresse

Foto 18

Lapresse

Foto 19

Lapresse

Foto 20

Lapresse

Foto 21

Lapresse

Foto 22

Lapresse

Foto 23

Lapresse

Foto 24

Lapresse

Foto 25

Lapresse

Foto 26

Lapresse

Foto 27

Lapresse

Foto 28

Lapresse

Nel primo quarto Repesa vede i suoi mettere subito un discreto Gap ai danni della Sidigas (12-4 Olimpia dopo le sfuriate iniziali di Sanders e Jenkins), con i padroni di casa che volano sino al +10 di fine primo quarto grazie al tiro dalla media distanza di Simon (8 punti alla fine per lui). Nel secondo quarto la produzione offensiva di Avellino cambia sensibilmente, con Nunnally che si accende (25 punti complessivi) con una tripla e un gioco da tre punti in fila, permettendo gli irpini di andare all'intervallo sul -7 (43-36 Olimpia). Il successo di Milano viene costruito con i rimbalzi in attacco: 19-9 il conto finale in favore della squadra di coach Repesa, che però si presenta nell'ultimo quarto con sole cinque lunghezze di vantaggio (60-55 con l'ex Ragland che infila due liberi di fila).

Avellino è un osso duro, ma la voglia di Milano di mettere le mani sul trofeo è troppa: a tracciare la via sono Sanders (rubata e schiacciata a inizio quarto quarto che fa esplodere il Forum) e Cinciarini (10 punti per l'ex Reggiana con due su tre dall'arco). Il traguardo è vicino quando l'Olimpia tocca il +17 di vantaggio: Avellino riesce a infilare un 7-0 di parziale che costringe a Repesa al timeout, ma tutti al Forum sanno che la festa è vicina: le maglie celebrative cominciano a comparire quando si entra nell'ultimo minuto di gioco, l'Olimpia è campione!

TAGS:
Olimpia
Milano
Avellino
Coppa Italia