Giro d'Italia, Bennett vince la settima tappa

L'irlandese batte in volata il favorito Viviani. Classifica generale immutata

La settima tappa del Giro d'Italia, la Pizzo Calabro-Praia a Mare di 159 km, ha visto il successo in volata dell'irlandese Sam Bennett su Viviani e Bonifazio. Tappa caratterizzata da una lunga fuga a tre, con Ballerini, Belkov e Irizar ripresi solo nel finale, prima del volatone di gruppo. Classifica generale immutata, con Yates sempre in rosa. Domani tappa insidiosa, la Praia a Mare-Montevergine di Mercogliano di 209 km.

ZoomDisattiva slideshow
Foto 1

Ansa

Foto 2

Ansa

Foto 3

Ansa

Foto 4

Ansa

Foto 5

Ansa

Foto 6

Ansa

Foto 7

Ansa

Foto 8

Ansa

Foto 9

Ansa

Foto 10

Ansa

Foto 11

Ansa

Foto 12

Ansa

Foto 13

Ansa

Foto 14

Ansa

Foto 15

Ansa

Foto 16

Ansa

Incastonata tra cinque tappe piuttosto mosse (tre già alle spalle, altre due nell'imminente fine settimana), la settima tappa del Giro d'Italia numero 101 è la classica frazione in cui le squadre dei velocisti devono assolutamente tenere cucita la corsa. L'andamento della corsa è quello classico: pronti-via e dopo appena un chilometro si muovono i primi attaccanti, con un quartetto composto da Markel Irizar (Trek-Segafredo), Tony Martin (Katusha-Alpecin) e la coppia della Androni-Sidermec formata da Davide Ballerini e Fausto Masnada. Tentativo infruttuoso, perché appena tre o quattro chilometri più in là il gruppo rientra. Due dei quattro attaccanti decidono però che bisogna riprovarci, così il contrattacco di Davide Ballerini (Androni-Sidermec) e Makel Irizar (Trek-Segafredo) è immediato.

Su di loro stavolta si porta Maxim Belkov (Katusha-Alpecin) e i tre stavolta iniziano a prendere margine, arrivando ben presto ad accumulare anche quattro minuti su un gruppo che sembra soddisfatto della composizione della fuga. L'obiettivo volata resta però primario per tutte le squadre dei velocisti, che infatti iniziano a tirare, seppur senza tirarsi il collo, per evitare che il margine diventi troppo ampio. Così, con la Quick-Step Floors di Viviani in prima fila, il vantaggio dei tre inizia ad oscillare tra i due e i tre minuti. Al primo traguardo volante di giornata, presso Guardia Marina Piemontese, è Davide Ballerini a transitare in testa davanti a Belkov ed Irizar. Al quarto posto, in testa al gruppo, sfreccia Viviani che accumula così altri punti per la maglia ciclamino. A circa 50 km dal traguardo di Praia a Mare il vantaggio dei fuggitivi è di poco più di un minuto e mezzo, con il gruppo che continua a tenere sotto controllo i tre di testa in attesa dell'accelerazione finale. Che puntualmente avviene e per i tre di testa non c'è nulla da fare.

L'ultimo ad arrendersi è Davide Ballerini, poi negli ultimi dieci chilometri c'è ancora qualche scatto, ma la volata generale è inevitabile: la lancia Modolo, con Elia Viviani che prende la sua ruota e lo salta, ma stavolta non fa la differenza come nei due sprint in Israele, così dalle sue spalle rinviene l'irlandese Sam Bennett (Boha-Hansgrohe), che trionfa a braccia alzate davanti proprio a Viviani e Bonifazio. Quarto Modolo. In classifica generale non cambia nulla, con il britannico Simon Yates (Mitchelton-Scott) sempre in maglia rosa davanti a Dumoulin. Domani l'ottava tappa, da Praia a Mare a Montevergine di Mercogliano di 209 km, promette battaglia nel finale, anche se la salita conclusiva non sembra adatta a fare distacchi tra i big.

TAGS:
Ciclismo
Giro d'italia
Viviani
Yates
7a tappa

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X