TALENTI EMERGENTI

Ituma, a 15 anni sulle orme di Egonu

Nata in parrocchia e cresciuta al Club Italia, il futuro della classe 2004 è tra Scandicci e Busto Arsizio

di
  • A
  • A
  • A

È in una piccola palestra parrocchiale di Milano, all'oratorio San Filippo Neri di via Gabbro, che una ragazzina si diverte giocando a pallavolo. Gli occhi di un dirigente del Comitato Territoriale di Milano Monza Lecco cadono su di lei. Impossibile non notarla, perché abbondantemente più alta delle sue compagne. La domanda è prevedibile: “Di che anno è?”. La risposta, invece, no: “2004”. Il telefono di Michele Fanni, vice-allenatore del Club Italia, squilla più forte del solito. Due semplici parole: “Devi vederla”. E fu così che il giorno dopo, Julia Ituma si ritrovò a respirare per la prima volta l’aria del Centro Federale Pavesi, la scuola del volley che oggi è anche la sua casa.

Julia Ituma

Milanese, è nata l’8 ottobre 2004 da genitori nigeriani. Studia scienze applicate al Liceo Ettore Conti. Impara il gioco anche osservando il suo idolo: Robertlandy Simon. Una sorella, un fratello, un amore: la pallavolo. Non ha un carattere timido, ma è molto riservata. Se si mette in testa qualcosa, ci dà dentro finché non riesce a realizzarla. È insoddisfatta delle sue cose perché ci tiene a fare bene. In una parola: perfezionista. Ma per la sua età non è quasi ingiusto essere così dediti al lavoro? “Come consapevolezza e professionalità è molto più avanti di altre colleghe più grandi di lei", dice Massimo Bellano, tecnico del Club Italia. "Ha già l’idea chiara di dove e come vuole arrivare. Giorno dopo giorno si mette a disposizione per capire e apprende molto velocemente attraverso il suo talento. Si capisce perché nel giro di pochi mesi ha fatto un salto di qualità così importante”.

Julia Ituma

A proposito di salti, Julia nonostante i soli 15 anni già non scherza. Alta 191 centimetri, in elevazione tocca 3 metri e 35. Valori antropometrici sballati, fuori dalla norma. Per intenderci: le sue compagne dello scorso anno che oggi calcano i taraflex della Serie A1 non arrivano così in alto. Elena Pietrini raggiunge quota 322 centimetri, poco sotto a Sylvia Nwakalor (324). Più di 10 centimetri di differenza rispetto ad atlete che oggi ricoprono ruoli da protagonista nei propri club.

Già nel giro delle Nazionali, con l’Italia Under 16 ha conquistato la medaglia d’argento negli ultimi Europei di categoria a Trieste. “Ha qualità fisiche non comuni per la sua età, quasi da atleta evoluto", sostiene il c.t. Pasquale D’Aniello. "Di ragazzine ne ho viste tante, ma lei ha qualcosa in più. La prima volta al Pavesi, senza mai aver allenato la tecnica del salto, ha fatto dati impressionanti. Nel giro di un anno e mezzo è diventata una delle giocatrici più importanti in questa categoria”.

Julia Ituma

E i grandi club già bussano al portone della parrocchia San Filippo Neri, attualmente proprietaria del cartellino. La Savino Del Bene Scandicci è in vantaggio, anche se la Unet E-Work Busto Arsizio non si è ancora arresa. D’altronde nessuno vuole farsi scappare un talento così. E lei stessa non può scappare dal paragone che peserebbe per qualsiasi ragazza, quello con l’opposto più forte del mondo: Paola Egonu. Il confronto è spontaneo, ma chi la conosce bene rallenta. L’augurio di Massimo Bellano, suo allenatore al Club Italia, è che Julia possa smarcarsi da Paola: “Se una è davvero un talento, ha una specificità che non la fa assomigliare a nessun’altra. I grandi campioni dello sport somigliano a loro stessi. Julia non deve correre dietro a Paola”. Concetto sposato anche dal c.t. D’Aniello: “Per lei Paola deve essere un punto di riferimento, così come per chiunque metta la maglia Azzurra. Paola è un’atleta di importanza mondiale e per Julia sarà una bella stella polare da raggiungere”. D'altronde di Paola Egonu ce n’è una sola. Ma a quanto pare, anche di Julia Ituma.

Julia Ituma

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments