Tennis, Andy Murray dice addio al tennis: "Troppo dolore all'anca"

In una conferenza schock, il tre volte campione di uno Slam ha annunciato il suo ritiro: "Vorrei arrivare fino a Wimbledon, ma non so se ci riuscirò"

Tennis, Andy Murray dice addio al tennis: "Troppo dolore all'anca"

Andy Murray dice addio al tennis. La speranza dell'ex numero uno del mondo è resistere fino a luglio per arrivare a giocare il torneo di Wimbledon, ma il rischio concreto è quello di chiudere la carriera con l'Australian Open. Troppo forte il dolore all'anca che, ha detto lo scozzese a Melbourne, "non mi permette di giocare e allenarmi. Vorrei smettere a Wimbledon, ma non sono sicuro di essere in grado di farlo. C'è la possibilità che gli Australian Open siano il mio ultimo torneo".

Le lacrime di Murray: addio al tennis

  • Facebook
  • Twitter
  • Google+
  • LinkedIn

Andy Murray dice addio al tennis. La speranza dell'ex numero uno del mondo è resistere fino a luglio per arrivare a giocare il torneo di Wimbledon, ma il rischio concreto è quello di chiudere la carriera con l'Australian Open. Troppo forte il dolore all'anca che, ha detto lo scozzese a Melbourne, "non mi permette di giocare e allenarmi. Vorrei smettere a Wimbledon, ma non sono sicuro di essere in grado di farlo. C'è la possibilità che gli Australian Open siano il mio ultimo torneo".

>

"Smetto perché voglio tornare a fare le cose comuni, come mettere una scarpa o un calzino, senza avere dolore - ha spiegato il primo tennista britannico a diventare n°1 del mondo in lacrime durante una conferenza stampa shock - Ho l'anca davvero molto danneggiata, il chirurgo che mi ha operato lo scorso anno me lo ha confermato. L'intervento dello scorso anno non è servito a ridurre il dolore. Continuare solo in doppio? No, non rischio la mia salute".

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X