TENNIS

Roland Garros: Martina Trevisan storica, è in semifinale contro la Gauff

La toscana batte 6-2, 6-7, 6-3 la canadese Leylah Annie Fernandez e ora affronterà l'americana Gauff: "Settimana incredibile"

  • A
  • A
  • A

È davvero fantastica Martina Trevisan. La tennista toscana vola per la prima volta alle semifinali del Roland Garros dopo avere battuto la canadese Leylah Annie Fernandez, numero 14 del ranking WTA, in tre set: 6-2, 6(3)-7, 6-3 il risultato finale per l’azzurra. Dopo Dart, Linette, Saville e Sasnovich, è toccato quindi anche alla nordamericana finire ko contro la fiorentina, giunta alla decima vittoria consecutiva e che ora non vuole più fermarsi.

Non finisce qua: proprio per niente. Dalla magica settimana di Rabat, Martina Trevisan sta collezionando una vittoria dietro l’altra (è arrivata a quota 10 consecutive) e ora si appresta ad affrontare per la prima volta in carriera una semifinale del Roland Garros. Decisivo, per questo storico traguardo, il bel successo contro Leylah Annie Fernandez, che occupa la posizione numero 14 nel ranking WTA. Nel 6-2, 6(3)-7, 6-3 finale contro la canadese si assiste a un match dalle varie sfaccettature, con una Fernandez visibilmente frenata dall’infortunio, ma brava e sportiva nel rimanere caparbiamente nella partita. Un primo e terzo set ai limiti della perfezione servono a Trevisan per vincere il confronto contro la 19enne di Montreal. L’azzurra vola nel primo parziale con il 6-2 dopo 41 minuti, ottenuto a suon di colpi vincenti, quasi a intimorire la sua avversaria. Fernandez, con una fasciatura al piede destro, tenta la reazione immediata nel secondo set e riesce a strappare il break nel quarto gioco, portandosi sul 3-1. Ma l’azzurra non abbassa la guardia, replicando immediatamente e riportandosi in scia dell’avversaria. La svolta decisiva sembra arrivare nella fase cruciale del parziale: Trevisan ottiene un nuovo break e serve per il match, conquistando anche una palla per chiudere la contesa. Ma la canadese non ci sta: ribalta il game e si prende il controbreak che rimette nuovamente tutto in discussione sul 5-5. Si arriva al tie-break, ma qua la fiorentina viene tradita dal servizio con una serie di doppi falli mortiferi: Fernandez ringrazia e con il 7-4 si prende il set che vale l’1-1.

A questo punto si decide tutto nel terzo set. Trevisan ritrova il meglio del suo repertorio mentre la Fernandez si spegne un po’: questo è sufficiente per permettere alla 28enne di piazzare subito un allungo con un parziale di 12 punti a 2 nei primi 3 game che valgono il 3-0. Ma non è tutto, perché la testa di serie numero 17 continua nel suo passaggio a vuoto e perde nuovamente il servizio nel gioco successivo permettendo a Martina di andare 2 game e 2 break avanti. La stanchezza inizia a farsi sentire da una parte e dall’altra ed entrambe iniziano a faticare al servizio, perdendolo ripetutamente. Succede due volte di seguito all’italiana, che non sfrutta l’occasione di servire per il match sul 5-1 e consente alla finalista dello US Open 2021 di recuperare nuovamente un break. Fernandez rientra così sul 3-5 e va addirittura sul 30-15 sul turno di battuta decisivo per Trevisan, ma l’azzurra riesce a ribaltare il parziale e ad arrivare al secondo match point di giornata. E questa volta chiude il match con il 6-3 finale.

Martina ora se la vedrà con l'americana Coco Gauff, che ha vinto il derby con Sloane Stephens per 7-5, 6-2. La 18enne di Atlanta e numero 18 del tabellone raggiunge la prima semifinale di un torneo dello Slam in carriera esattamente come la Trevisan. Sarà il gran ballo delle debuttanti quindi a Parigi, mentre la Stephens (che uno Slam l’ha vinto agli Us Open del 2017) può comunque accontentarsi di un buon torneo. Troppo fallosa però oggi la ex numero 3 del mondo, mentre la Gauff è più solida da fondo campo e, pur tremando in un paio di occasioni chiave, riesce ad approfittare degli errori dell’avversaria. 

TREVISAN: "UNA SETTIMANA INCREDIBILE"
"La vittoria al torneo di Rabat mi ha dato fiducia, è stata una settimana incredibile, è stata una emozione. Sono arrivata a Parigi con tanta energia, sono stanca, ma ho voluto scaricare le emozioni sul campo. Sono super felice che qui a Parigi ci siano anche Pennetta e Schiavone che stanno giocando il torneo delle leggende. Loro per me sono sempre state una ispirazione", le sue parole a fine match. La toscana ha dedicato la vittoria al padre attraverso l'obiettivo della telecamera: "Per te, babbino mio". Il tutto accompagnata da un cuoricino. "Sul primo match-point ero nervosa, tesa: mancava un punto per la semifinale - ha ammesso - . Poi ho accettato la situazione: ho capito che era normale sentirsi tesa ed emozionata e dovevo fare i conti anche con questo. Sono davvero felicissima".

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 commenti