Sport ora per ora

FEDERCICLISMO, DAGNOGNI: "BETTIOL MERITA IL TRICOLORE"

  • A
  • A
  • A
Ora per ora placeholder

"Alberto Bettiol si merita questa maglia. E' uno dei nostri corridori piu' talentuosi e il fatto che abbia vinto da favorito, in Toscana da toscano, davanti a un fantastico pubblico, rende la sua impresa ancora piu' difficile". Cosi' il presidente della federciclismo, Cordiano Dagnoni, si complimenta con il vincitore di campionati assoluti, in Toscana. "Averlo visto all'opera, con una condizione incerta dopo la caduta, ci conforta e ci fa ben sperare per il futuro a cominciare dal Tour, al quale partecipera' con la maglia tricolore sulle spalle. Questa, per tutto il movimento ciclistico italiano, e' la soddisfazione maggiore", ha aggiunto Dagnoni. Al termine di una settimana impegnativa il presidente allarga lo sguardo su tutta la rassegna Toscana Tricolore 2024: "Con la disputa dei campionati juniores su pista al Velodromo Enzo Sacchi di Firenze, la scorsa settimana, e' partita la rassegna Toscana Tricolore 2024 che si concludera' ad ottobre con il campionato italiano MTB Enduro. I campionati italiani sono un patrimonio della Federazione ciclistica italiana che l'attuale consiglio federale ha deciso di valorizzare attraverso un innalzamento degli standard qualitativi e un format unico in grado di fornire una maggiore visibilita'". "Quelli in Toscana non sono gli unici della stagione che, grazie all'impegno della Federazione, godranno di una copertura televisiva, in virtu' di un accordo quadro in via di definizione in questi giorni - ha detto ancora Dagnoni -. Ringrazio per questo i vertici Rai, per la sensibilita' dimostrata in occasione dei diversi incontri che abbiamo avuto per poter garantire la copertura in diretta per alcuni eventi e la sintesi per molti altri. La trasmissione dei numerosi campionati italiani rientra in un accordo generale che prevede anche la valorizzazione dell'attivita' dilettantistica e giovanile di tutte le specialita' del ciclismo". 

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 commenti