Sci, storica tripletta azzurra

Riscritta la storia a Bad Kleinkirchheim: per la prima volta in discesa un podio tutto targato Italia

  • A
  • A
  • A

Le azzurre dello sci riscrivono la storia: a Bad Kleinkirchheim nella discesa trionfa Sofia Goggia, davanti a Federica Brignone e a Nadia Fanchini. Un podio tutto azzurro, una tripletta che non si era mai verificata nella storia dello sci femminile italiano in discesa. Le azzurre hanno dominato, con la Goggia che ha rifilato distacchi abissali a tutte: +1”10 alla Brignone, +1"45 a Nadia Fanchini.

Si avvicinano le Olimpiadi e lo sci azzurro decolla. Dopo la coppa del mondo di specialità vinta da Fill in combinata, il weekend di sci azzurro si tinge di un rosa intenso, intensissimo, come mai era successo. Sabato il successo di Federica Brignone in Super-G, ora una incredibile tripletta. Sofia Goggia ha vinto la discesa di Bad Kleinkirchheim davanti a Federica Brignone e a Nadia Fanchini: per la prima volta il podio di una discesa femminile si è tinto tutto di rosa. Una giornata incredibile, che ha bissato quella fantastica tripletta in Gigante ad Aspen nel marzo 2017, quando vinse la Brignone davanti a Goggia e Bassino.

In Gigante le triplette nella storia dello sci azzurro femminile erano state due: oltre a quella di Aspen la prima volta fu in Norvegia, il 2 marzo 1996: vinse Deborah Compagnoni davanti a Sabina Panzanini ed Isolde Kostner. Mai, però, si era verificato in discesa.

LA GARA
La prima a scendere è l'austriaca Christine Scheyer che fissa il cronometro sul 1'07”16, ma con il pettorale numero due si presenta Federica Brignone che vola subito in testa fissando un grande tempo: 1'05”27. Dopo le discese deludenti di Cornelia Huetter e Ramona Siebenhofer, ecco un'altra azzurra brillare e stavolta in maniera decisiva: è Sofia Goggia che vola in testa polverizzando il tempo della Brignone, con una discesa da un pazzesco 1 minuto e 4 secondi netti. Dopo le prime cinque in gara, ci sono due italiane sui primi due gradini del podio, una situazione che regge anche dopo le discese di Tina Weirather, Michelle Gisin e Lara Gut. Una situazione che per l'Italia migliora dopo la prova di Nadia Fanchini, spericolata quanto efficace nel chiudere a +1”45 dalla Goggia per piazzarsi al terzo posto e completare un podio tutto azzurro.

L'americana Lindsey Vonn, con il pettorale numero 15, non fa neanche il solletico alle italiane, arrivando addirittura a +3”03 dalla leader dopo una discesa conservativa e mai all'assalto. Niente da fare neanche per Anna Veith e Jasmine Flury che non riescono a insidiare le italiane. Al quarto posto si è piazzata la francese Tiffany Gauthier, scesa con il pettorale numero 36 e facendo traballare il terzo posto della Fanchini. Quinta Tina Weirather e sesto posto per due austriache, Jasmine Flury e Michelle Gisin (per entrambe +1”85). Ottavo posto per Anna Veith (2”03), nona Stephanie Venier (+2”06) e decima posizione per Lara Gut (+2”13). Per quanto riguarda le altre italiane, 22esima Johanna Schnarf (+2”67) e 29esima Anna Hofer (+3”41). Fuori Nicol Delago e Verena Stuffer, Federica Sosio ha chiuso 34 esima (+4”96).

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments