HomeHome
Menu

Nations League, Italia-Portogallo 0-0: lusitani alle Final Four

Gli azzurri dominano nel primo tempo e calano nella ripresa: la squadra di Mancini chiude al secondo posto

di CESARE ZANOTTO

Nel quarto e ultimo match della Nations League, l'Italia pareggia contro il Portogallo e chiude il girone al secondo posto, dicendo così addio alle Final Four. A San Siro finisce 0-0, con gli azzurri che offrono un ottimo primo tempo prima di calare dal punto di vista fisico nella ripresa. I campioni d'Europa in carica - ai quali manca ancora la gara con la Polonia - restano così al comando del Gruppo A3, a +2 sulla squadra di Mancini.

Nations League, Italia-Portogallo 0-0: le foto del match

  • Facebook
  • Twitter
  • Google+
  • LinkedIn

Nel quarto e ultimo match della Nations League, l'Italia pareggia contro il Portogallo e chiude il girone al secondo posto, dicendo così addio alle Final Four. A San Siro finisce 0-0, con gli azzurri che offrono un ottimo primo tempo prima di calare dal punto di vista fisico nella ripresa. I campioni d'Europa in carica - ai quali manca ancora la gara con la Polonia - restano così al comando del Gruppo A3, a +2 sulla squadra di Mancini.

>

LA PARTITA
Chiudiamo al secondo posto, ma i segnali sono nuovamente positivi e ribadiscono quanto visto lo scorso 14 ottobre in occasione del successo in Polonia: il nuovo ciclo azzurro - un bel mix tra talento, esperienza, gioventù e voglia di riscatto - inizia a funzionare e per i risultati servirà innanzitutto una buona dose di pazienza e di fiducia. Solo così potrà sbocciare la squadra che il c.t. Mancini, tra conferme ed esperimenti, sta intelligentemente costruendo.

Contro il Portogallo l'Italia parte a tutto gas, andando subito all'assalto della porta lusitana e pressando alto in qualsiasi situazione. Un atteggiamento che produce azioni ed emozioni in particolare nel primo tempo, ma alla lunga la Nazionale finisce la benzina ed è obbligata ad accontentarsi del pareggio. Nella prima parte sono due gli aspetti che fanno la differenza e dunque da sottolineare: il centrocampo e la posizione di Insigne. Quest'ultimo parte largo a sinistra ma si vede più che altro tra le linee, pronto a scatenare Immobile o a colpire lui direttamente come al minuto 5, quando il suo destro viene respinto dal portiere prima dell'errore (da pochi passi) del centravanti laziale. L'altra chiave, dicevamo, riguarda la mediana composta da Barella, Jorginho e Verratti: intensità, qualità e idee al servizio della squadra. Il giocatore del Cagliari pressa e rincorre senza pause, gli altri due invece fanno girare la sfera che è un piacere per i compagni e pure per il pubblico. 

Nel primo tempo l'Italia ha altre due grandi occasioni con Immobile (servito da Verratti al 35') e Bonucci (colpo di testa a lato al 36'), ma il Portogallo riesce a reggere ed esce alla distanza, quando ai padroni di casa iniziano a mancare le energie. L'avvio di ripresa è simile all'inizio del match, dopodiché i campioni d'Europa in carica alzano il baricentro di una ventina di metri e cominciano ad alternare discese sulle corsie laterali (molto buona la spinta di Cancelo a destra) a iniziative per vie centrali. Donnarumma è prodigioso con una gran risposta sulla conclusione di William Carvalho (76'), mentre l'ultima chance capita a Insigne con un destro a lato all'84'. L'Italia fallisce l'appuntamento con le Final Four ma prosegue con il percorso più importante: una vera rinascita passa inevitabilmente da serate come questa.

LE PAGELLE

Verratti 6,5 - Palla sempre a terra, illuminazioni in verticale, scambi nello stretto. Il giocatore del Psg domina in mezzo al campo con grande personalità ed è prezioso anche in fase di interdizione. Cala troppo nella seconda parte del match.

Insigne 6,5 - E' il riferimento principale in ogni azione offensiva. Parte largo a sinistra ma spesso si accentra o si abbassa a caccia di palloni interessanti. Gli manca soltanto il gol.

Immobile 5,5 - Sembra un leone in gabbia. Energia inesauribile su tutto il fronte d'attacco, ma non riesce a farsi largo negli spazi intasati. Ha due buone occasioni nel primo tempo: entrambe sprecate.

Chiesa 5,5 -
Grinta e polmoni non gli mancano, solo che non riesce mai a esprimersi come vorrebbe. Viene servito più che altro spalle alla porta, in alcune situazioni avrebbe bisogno di molta più di calma.

Chiellini 6,5 -
Celebra le 100 presenze in Nazionale con una prova solida e ordinata. Dietro è impossibile superarlo.

Cancelo 6,5 -
Il più costante tra i suoi compagni: spinge bene per tutto il corso del match e se la cava in fase difensiva.

Pizzi 5 -
Soffre tantissimo il palleggio azzurro e infatti è sempre costretto a rincorrere. Nessuna iniziativa interessante con la palla tra i piedi.

IL TABELLINO

ITALIA-PORTOGALLO 0-0
Italia (4-3-3): Donnarumma 6,5; Florenzi 6, Bonucci 6, Chiellini 6,5, Biraghi 6; Barella 6, Jorginho 6, Verratti 6,5 (36' st Pellegrini sv); Chiesa 5,5 (43' st Berardi sv), Immobile 5,5 (29' st Lasagna 6), Insigne 6,5.
A disp.: Sirigu, Cragno, De Sciglio, Emerson, Rugani, Acerbi, Gagliardini, Grifo, Politano. All.: Mancini 6,5
Portogallo (4-3-3): Rui Patricio 6,5; Cancelo 6,5, Ruben Dias 6, Fonte 6, Mario Rui 6; Pizzi 5 (23' st Joao Mario 6), W. Carvalho 6, Ruben Neves 5,5; Bernardo Silva 5,5, André Silva 6 (46' st Danilo SV), Bruma 5,5 (40' st Guerreiro sv).
A disp.: Beto, Neto, Bruno Fernandes, Cedric, Guedes, Sanches, Eder, Rafa Silva. All.: Fernando Santos 6
Arbitro: Makkelie (Olanda)
Marcatori: -
Ammoniti: 
Ruben Neves, Mario Rui, Cancelo (P); Jorginho, Bonucci, Chiesa (I)
Espulsi: -

LE STATISTICHE
• L’Italia ha pareggiato le ultime cinque sfide consecutive giocate a Milano: solo a Berna a cavallo tra il 1931 e il 1987 gli Azzurri hanno registrato più pareggi consecutivi (sei di fila) in una città.
• L’Italia è imbattuta in gare casalinghe sotto la gestione di Roberto Manicni (4N).
• La Nazionale azzurra non ha trovato la rete dopo essere andata in gol in sette delle precedenti otto partite.
• Questo è solamente il terzo pareggio in 27 confronti fra Italia e Portogallo.
• La Nazionale italiana è imbattuta in gare casalinghe contro il Portogallo (11V, 2N) ed ha mantenuto la porta involata nelle sei gare più recenti.
• L’Italia ha mantenuto la porta inviolata in due gare consecutive per la prima volta da giugno 2017.
• La Nazionale azzurra ha chiuso la partita subendo un solo tiro nello specchio, dopo averne subiti sempre almeno tre sotto la giuda di Roberto Mancini.
• Giorgio Chiellini è diventato solamente il settimo giocatore dell’Italia ad aver giocato almeno 100 partite con la Nazionale, esattamente 14 anni dopo il suo esordio (Italia-Finlandia, 17/11/2004).
• Tutti i giocatori di movimento dell'Italia hanno partecipato attivamente ad almeno un tiro in questo match.
• Il Portogallo ha effettuato il suo primo tiro nello specchio della porta al 76o minuto.

TAGS:
Nations league
Italia
Portogallo

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X