Test MotoGP: Vinales davanti

In Qatar il pilota della Yamaha chiude la prima giornata davanti a tutti, Dovizioso è terzo, Rossi quinto a mezzo secondo

  • A
  • A
  • A

Nella prima giornata di test per la MotoGP sul circuito di Losail, in Qatar, è Maverick Vinales a chiudere al primo posto con il tempo di 1:55.051, con alle sue spalle la Suzuki di Rins a +0.108. La Ducati conferma le buone sensazioni della Malesia con Dovizioso terzo a +0.499 e Petrucci quarto a +0.543. Quinto Valentino Rossi a +0.553. Indietro Marquez e Lorenzo, entrambi alle prese con una condizione fisica non ancora al meglio.

La MotoGP torna in pista sul circuito di Losail, proprio dove si inizierà a fare sul serio dal 10 marzo. Ora invece c'è ancora tempo per provare assetti e trovare la versione migliore della propria moto per il 2019. In Ducati si cerca di capire quale possa essere il telaio migliore per questa stagione, in casa Honda si guarda con attenzione al propulsore, mentre la Yamaha è chiamata a lavorare sulla ciclistica. Il lavoro ai box è quindi importante, ma fondamentali sono le sensazioni dei piloti in pista e quindi bisogna girare, accumulare tempi e registrare dati. A 15 minuti dalla fine della sessione, durata 6 ore, è Maverick Vinales su Yamaha a fermare il cronometro prima di tutti sull' 1'55”01, una prestazione che nessuno dei piloti in pista riuscirà a battere. Anche perché, come detto, non c'è l'ossessione per il miglior tempo di giornata, anche se raccogliere buone sensazioni può aiutare a lavorare con più serenità. Obiettivo centrato dalla Ducati che dopo l'ottimo passo messo in mostra nei test di Sepang si conferma anche in questa prima giornata in Qatar. Dovizioso e Petrucci chiudono al terzo e quarto posto, con un distacco intorno al mezzo secondo da Vinales, rispettivamente in 1'55”50 e 1'55”594. Molto bene la Suzuki che con Alex Rins si piazza al secondo posto, con il pilota spagnolo che ferma il cronometro sull'1'55”159.

A proposito ancora di Vinales, il suo compagno di squadra Valentino Rossi, ai primi giri in moto da 40enne, conclude la propria sessione al quinto posto in 1'55”604, in una giornata che si può considerare positiva nel suo complesso grazie ai 47 giri messi insieme dal Dottore. Situazione diversa in casa Honda con Marquez che chiude decimo, in 1'56”167 a +1.116 dal leader Vinales e Lorenzo addirittura 21esimo in1'57”090 a +2.039. Oltre al lavoro che deve essere fatto sulla R213V ufficiale bisogna considerare anche la condizione fisica dei due piloti spagnoli, entrambi non al meglio. Marquez dimostra di non avere ancora superato completamente l'infortunio alla spalla e rischia con una caduta nel finale di sessione, per fortuna senza conseguenze. Considerazione, quella legata alla condizione fisica, che vale a maggior ragione per Lorenzo, al rientro dopo l'infortunio alla mano sinistra. Domani si torna ancora in pista e la speranza di tutti è quella di fare passi avanti importanti.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments