POSSIBILE RITIRO

MotoGP, Rossi ai saluti? Petronas cerca già il suo sostituto

I due team mettono le mani avanti per non farsi trovare impreparati nel caso in cui Rossi dovesse comunicare il ritiro

  • A
  • A
  • A

Cresce l'attesa per conoscere quello che sarà il futuro di Valentino Rossi in MotoGP, col "Dottore" al bivio tra un altro anno nel Motomondiale e il possibile ritiro. L'annuncio della decisione verrà dato nelle prossime settimana, ma intanto Petronas e Yamaha hanno messo le mani avanti. Colloqui avviati, negli ultimi giorni, con diversi piloti che potrebbero prendere il posto del pesarese nel team malese nel caso in cui fosse confermato l'addio ai motori.

Il rinnovo di Rossi con Petronas, come sottolineato dall'accordo siglato l'anno scorso tra le parti, è legato alle prestazioni che il "Dottore" riuscirà a mettere in pista in questo 2021. A essere decisivo sarà il livello di competitività della M1 in mano al pesarese, che però in queste prime sei gare stagionali ha faticato e non poco.

Secondo quanto riferito da "Autosport" il team giapponese e il satellite Petronas avrebbero avviato i contatti con alcuni piloti Moto2 per non farsi trovare impreparati alla notizia del possibile ritiro del pilota italiano. Sul taccuino condiviso Yamaha-Petronas c'è su tutti il nome di Raul Fernandez, rookie in Moto2 e autentico protagonista in KTM, ma la pista che porta allo spagnolo sarebbe tutt'altro che semplice. Ecco allora che i due team potrebbero virare su scelte conosciute, come Xavi Vierge, o la "scommessa" Joe Roberts. Alternativa, ma molto marginale, è anche Jake Dixon, il cui rapporto col team Petronas in Moto2 è però tesissimo.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments