MOTOGP GERMANIA

MotoGP Germania: pole di Zarco davanti a Quartararo, male Rossi e Morbidelli

Il francese della Ducati Pramac chiude davanti al connazionale della Yamaha per soli 11 millesimi

  • A
  • A
  • A

Johann Zarco si prende di forza la pole position del GP di Germania, ottavo appuntamento stagionale della MotoGP. Il francese della Ducati Pramac chiude la sessione di qualifica in 1’20’’236 ed è davanti al connazionale Fabio Quartararo e Aleix Espargaró. Niente da fare per Jack Miller, che aprirà domani la seconda fila davanti a Marc Marquez. Male le Petronas di Valentino Rossi (15°) e Franco Morbidelli (17°); addirittura 21° Maverick Vinales.

Dopo cinque gare consecutive s’interrompe la serie positiva delle pole position ottenute da Fabio Quartararo. A partire davanti a tutti nel GP di Germania di domani pomeriggio ci sarà infatti Johann Zarco con la sua Ducati Pramac che, nonostante la caduta nel finale, strappa il primo posto sulla griglia di partenza di domani pomeriggio sul Sachsenring. Il tempo fatto segnare è di 1’20’’236. Il leader della classifica del Motomondiale completa comunque una doppietta tutta francese in sella alla Yamaha, tallonando il suo connazionale per appena 11 millesimi.

Se i due piloti transalpini hanno confermato i valori della classifica iridata, Aleix Espargaró, terzo, è la grande sorpresa di giornata e riporta l’Aprilia in prima fila dopo ben 21 anni. Lo spagnolo chiude a soli 211 millesimi dalla vetta e regala un grande risultato alla Casa di Noale. Seconda fila aperta dalla Ducati di Jack Miller, con l’australiano che anche in Q2 si conferma velocissimo nel T1 e nel T2, continuando a mostrare dei limiti nel T3. Miller è seguito dalla Honda di Marc Marquez, capace di firmare la sua migliore qualifica stagionale, e dalla KTM di Miguel Oliveira, vincitore dell’ultima gara a Barcellona, dal quale ci si aspettava qualcosa di più dopo la grande performance di ieri.

Terza fila con Jorge Martín, che a un paio di gare dall’infortunio che lo aveva tenuto fermo per un paio di mesi ha già ritrovato il ritmo dei migliori e piazza la sua Ducati Pramac in settima posizione. Ci sono poi Pol Espargaró e Takaaki Nakagami. Il migliore italiano è Pecco Bagnaia, che chiude la top 10. Il centauro della Ducati paga a caro prezzo l’esposizione delle bandiere gialle dopo la caduta di Zarco nel finale della Q2. Per quanto riguarda invece gli altri nostri connazionali, si prospetta una gara in difesa: le Petronas di Valentino Rossi e di Franco Morbidelli (che rovina tutto cadendo alla curva 13 in Q1) si collocano rispettivamente al 15° e al 17° posto anche grazie alla penalità subita da Bastianini (scalato dal 15° al 18° posto) per aver disturbato Petrucci in curva 8. Luca Marini partirà 14°, Danilo Petrucci 19°, Lorenzo Savadori 22°.

Non è andata meglio al campione del mondo in carica, Joan Mir, che si vede cancellare il suo giro migliore per non aver rispettato una bandiera gialla e quindi sarà solamente 16° in griglia con la sua Suzuki. Disastroso il sabato di Maverick Vinales, alle prese forse con la peggiore qualifica della sua carriera in MotoGP: lo spagnolo andrà a schierare la sua Yamaha addirittura in 21esima posizione.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments