MOTOGP SAN MARINO

Misano, Rossi: "Podio sarebbe stata festa grande". Dovi avverte: "Così non va"

Beffa per il Dottore, vicinissimo al podio numero 200 della carriera in MotoGP

  • A
  • A
  • A

Il podio numero 200 della carriera in MotoGP è solamente rimandato per Valentino Rossi che, in un fine settimana pazzesco a Misano, sorride entusiasta per i traguardi ottenuti dalla sua "VR46 Riders Academy". Per il Dottore, che ha visto crescere Morbidelli e Bagnaia, c'è tanta soddisfazione nonostante il podio mancato: "Grande peccato non essere salito sul podio, farlo con Pecco e Franco sarebbe stato bellissimo. Mir mi ha passato all'ultimo, ma sono contento perché è stata comunque un bella gara".

"Stiamo lavorando bene, ad un certo punto mi sono trovato a lottare con due Suzuki. In vista della prossima settimana dobbiamo sistemare alcune cose, ma qui andiamo molto bene. Morbidelli? Il merito è tutto suo, è stato bravissimo. Noi dell'Academy abbiamo creduto tanto in lui, abbiamo fatto delle forzature per lui e ci deve una pizza" ha aggiunto Rossi.

Poi la battuta: "Dopo il primo e secondo posto in Moto2 con Marini e Bezzecchi ed oggi quello di Morbidelli e Bagnaia abbiamo deciso di chiudere l'Academy".

DOVIZIOSO: "COSI' NON POSSIAMO GIOCARCELA"

Nuovo leader della classifica Mondiale, Andrea Dovizioso è tutt'altro che soddisfatto della gara portata a termine a Misano anche con dei problemi fisici: "Ho avuto problemi con l'avambraccio nel corso della gara, ma è stata una conseguenza di una guida non fluida dell'ultimo periodo. Questo campionato è molto strano, sono contento di fare il test martedì così potremo lavorare su tutto ciò che di inspiegabile c'è in questa moto".

"Pecco ha fatto una gara strepitosa, significa che devo cambiare qualcosa nella guida. Non posso più frenare nel mio modo, guardando i tempi si vede che non è la stessa cosa. Campionato pazzo, ma senza velocità puoi anche essere prima senza viverla con felicità. Sfruttiamo i test per guidare meglio, se no non abbiamo le carte per giocarcela. Si può andare più forte, bisogna lavorare su questo e focalizzarci su questi problemi perché si può fare" ha avvertito Dovi.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments