ASSEN AI VOTI

Bagnaia Frecciarossa ad Assen, Espargarò a ruota libera, prova di maturità per Bezzecchi 

L'ultimo giorno di scuola prima della pausa estiva promuove Pecco ed Aleix e rimanda a Silverstone il leader delle generale.

di
  • A
  • A
  • A

ALEIX ESPARGARO: VOTO 10 Abbattuto o meglio azzoppato da Quartararo ad inizio GP, Aleix si produce in una formidabile rimonta, infiocchettata a centocinquanta metri dalla bandiera a scacchi da un doppio sorpasso da applausi a scena aperta su Binder e Miller che finisce per oscurare il podio Aprilia del suo compagno di squadra Vinales. La vetta del Mondiale è ora a soli ventuno punti. Dopo la pausa estiva... tutto può succedere!

© Getty Images

FRANCESCO BAGNAIA: VOTO 10

Il weekend che riannoda il filo vincente del Mugello, spezzato dai due passaggi a vuoto di Barcellona e del Sachsenring. Riporta la Diucati al successo ad Assen quattordici anni dopo Stoner ma il suo sguardo è ovviamente puntato nell'altra direzione: serve dare finalmente continuità alla linea di rendimento. 

 MARCO BEZZECCHI: VOTO 9

Tonalità di giallo di nuovo in alta quota nelle classifiche. Riconoscenza a parte, nostalgie non sempre...opportune, per chi deve costruire la propria storia. Marco non sbaglia un colpo in Olanda e la condotta di gara nel tempio della velocità: senza sbavature e senza potenzialmente molto dannosi sogni di vittoria. Tutto questo mentre il suo compagno di squadra LUCA MARINI (VOTO 4) annaspa nelle retrovie. Eppure in classifica sono separati da tre soli punti (55 a 52 nei confronti di Bez): chissà se ci vedremo più chiaro la prima domenica di agosto a Silverstone.

© Getty Images

FABIO QUARTARARO: VOTO 4

Una domenica bestiale per il Diablo, la prima di questa stagione. Sta nelle cose, in fondo, ma non toglie il voto basso e la delusione. Un errore di precipitazione nel momento in cui la sfida entra nel vivo ed un meccanismo recentemente perfetto che si inceppa. Avrebbe potuto andare peggio, Se non avesse involontariamente compromesso le chances di podio proprio del suo più vicino (ora molto più vicini) rivale in classifica generale. Il mancato strike con lo spagnolo gli costa però un long lap penalty da scontare in Inghilterra.

ENEA BASTIANINI: VOTO 6

La sua media punti-gara negli ultimi quattro appuntamenti è calata paurosamente (anche in coincidenza dei movimenti del mercato 2023, che lo riguardano da vicino), la grinta nell'affrontare questo periodo nero della sua seconda stagione nella premier class invece no. La sensazione è quella che la sosta estiva gli darà tempo e modo di ricalibrare gli obiettivi stagionali (non per forza di cose verso il basso) e di dare una svolta decisa al suo Mondiale, magari ritrovando i suoi winning ways già a Silverstone. 

© Getty Images

MAVERICK VINALES: VOTO 7,5

Torna sul podio dopo un anno esatto e su una delle sue piste preferite, al termine di un fine settimana che conferma i progressi recenti. Potrebbe (anzi dovrebbe) essere l'alleato perfetto nella sfida del compagno di squadra a Quartararo. Di sicuro sarà da qui in avanti un pungolo per Aleix, con tutti i... rischi del caso.  

JOHAN ZARCO: VOTO 4,5

Classifica iridata (e relativa progressione verso l'alto) alla mano, il francese di Pramac era in qualche mo chiamato ad Assen a puntare dritto ala sua prima vittoria, Chiude invece tredicesimo (ansia da prestazione?) ma salva il terzo posto della generale. B&B (Bagnaia e Bastianini) gli alitano però sul collo.

BRAD BINDER: VOTO 7

 L'uomo invisibile mette a in cascina l'ennesima performance da alta classifica (ha mancato la zona punti solo a Portimao). Messo in mezzo all'ultima curva del GP da Espargarò a da JACK MILLER (VOTO 6,5 alla sua prova generosa) ma resiste almeno all'australiano, suo prossimo compagno di squadra. Giusto per mettere le cose in chiaro! 

 

 

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 commenti