PORTE SPALANCATE

Napoli, De Laurentiis: "Ibra un mio desiderio, dipende da lui"

Il patron azzurro punge Mertens e Callejon: " Per me sono super pagati data l'età"

  • A
  • A
  • A

A margine del pranzo Uefa a Salisburgo prima della sfida di Champions contro gli austriaco, Aurelio De Laurentiis fa sognare i tifosi del Napoli. "Ibrahimovic? E' un amico, l'ho conosciuto a Los Angeles perché eravamo nello stesso albergo - ha spiegato il numero 1 azzurro -. L'ho invitato a cena con moglie e figli e abbiamo passato una serata strepitosa. Potrebbe essere un desiderio vederlo in azzurro più che una suggestione, dipende da lui". 

Ibra chiama ("Napoli a è una piazza che crea entusiasmo: con me il San Paolo sarebbe pieno ogni domenica. E poi c'è Ancelotti, un grande"), Ancelotti approva "lo aspettiamo a Napoli) e De Laurentiis si mette in moto e prova il colpaccio. Il sogno Ibra da una parte e il presente rappresentato dalle grane Mertens-Callejon, in scadenza a giugno 2020. AdL punzecchia i suoi due giocatori: " Ho fatto una proposta di allungamento di contratto- ha aggiunto -. Per me sono super pagati data l'età, se vogliono andare altrove non mi opporrò. Gli ho detto che gli riconosco lo stesso stipendio attuale. Ne riparleremo".

VI PIACEREBBE IBRA AL NAPOLI? DITE LA VOSTRA

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments