Mancini, addio Zenit: "Ho deciso tre mesi fa". Lo aspetta l'Italia

Ufficializzato la separazione consensuale tra il club russo e il possibile ct azzurro: "Ma al momento non ci sono accordi"

  • A
  • A
  • A

Roberto Mancini e lo Zenit di San Pietroburgo si separano. La notizia, nell'aria da qualche giorno, è stata ufficializzata con una nota sul sito del club russo, con il quale il tecnico jesino vantava un accordo triennale: "L'accordo con l'allenatore italiano cessa di essere valido da lunedì 14 maggio". Lo stesso tecnico ha salutato tutti dopo il successo per 6-0 sullo Ska Khabarovsk: "L'addio deciso tre mesi fa e non ha a che fare con club o qualsiasi Nazionale". 

"Vorrei ringraziare lo Zenit e il suo management per aver avuto l'opportunità di lavorare in questo bellissimo club e in una città così bella. È stata un'esperienza inestimabile. Voglio anche ringraziare i tifosi che hanno meritato più di quello che hanno ricevuto, sono fantastici. È un peccato che non siamo riusciti a vincere il titolo" ha detto Mancini che ha risolto il contratto e che con tutta probabilità diventerà il nuovo ct della Nazionale italiana. Anche se sull'argomento, il tecnico si mantiene piuttosto cauto: "Voglio sottolineare che la decisione di lasciare lo Zenit è esclusivamente mia. Questo è in gran parte dovuto alle mie circostanze familiari". Sull'eventuale accordo con la Federazione: "Al momento non ci sono assolutamente accordi con l'Italia. Sarebbe stato sbagliato fare trattative prima della conclusione del mio contratto qui, come abbiamo annunciato oggi. Sarebbe contro le regole. Non posso confermare che assumerò la guida della Nazionale italiana. In molte interviste ho detto che sarebbe stato interessante per me. Ora che tutte le questioni contrattuali sono state risolte, posso iniziare le trattative" ha comunque ammesso.

"Il contratto è stato risolto di comune accordo tra le due parti senza il pagamento di un risarcimento reciproco". Questo quanto fatto sapere dal il club russo. Roberto Mancini era arrivato allo Zenit il primo giugno 2017. Sotto la sua guida, il club russo ha disputato 44 partite, con 21 vittorie, 13 pareggi e 10 sconfitte. A una giornata dal termine lo Zenit è al quinto posto in campionato, qualificato per l'Europa League.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments