INTER

Inter, Zanetti tra ricordi e mercato: "Icardi non credo tornerà, Lautaro lo vedo all'Inter"

Il vicepresidente nerazzurro ha parlato ha parlato anche del trionfo al Bernabeu nel 2010: "Julio Cesar disse a Samuel: 'Siamo campioni'"

  • A
  • A
  • A

In questo periodo in cui il calcio è fermo per l'emergenza coronavirus, molti giocatori e protagonisti del pallone si affidano ai social per comunicare coi tifosi e così ha fatto anche Javier Zanetti, vicepresidente dell'Inter, che è intervenuto in una diretta Instagram di ESPN dividendosi tra passato e futuro. In primis i ricordi del trionfo di Madrid: "È stata la realizzazione di un sogno".

"Vincere significava coronare una grandissima annata - h continuato l'argentino - A tre minuti dalla fine Julio Cesar prende in mano la palla, guarda Samuel e gli dice: 'Walter, siamo campioni'. Un momento meraviglioso, il più bello della mia vita". Una 'grandissima annata' e un solo condottiero, José Mourinho: "Una persona speciale, grande allenatore e grande persona. Parliamo di un motivatore, di uno che trasmette tanta passione. Ti porta a tirare fuori il meglio di te stesso".

Dal passato al futuro e in particolare al mercato: "In questo momento non stiamo parlando di calciomercato, la cosa più importante è la salute - dichiara Zanetti, che però poi si sbilancia parecchio - Icardi tornerà? Non lo so, non credo. Avremo tempo per pensarci". Nell'attacco dei nerazzurri ci sarà ancora Lautaro Martinez, nonostante l'interesse del Barcellona: "All'Inter lo vedo felice, si sta identificando con il club. Noi abbiamo creduto in lui. Vedo il suo futuro all'Inter".

E un altro giocatore che resterà in nerazzurro anche l'anno prossimo è Stefano Sensi, che l'Inter ha prelevato dal Sassuolo in prestito oneroso con diritto di riscatto fissato a 20 milioni. Una cifra che, secondo la Gazzetta dello Sport, Marotta verserà certamente nelle casse dei neroverdi: magari con una revisione della modalità di pagamento legata alla situazione di difficoltà economica dei club.

Destino opposto invece per Matias Vecino, già vicino alla cessione a gennaio: l'uruguaiano resta il giocatore più in bilico nel reparto centrale del campo, il sacrificabile per tentare l'assalto ad un altro profilo di maggiore spessore.

Vedi anche L'agente di Lautaro si espone: "Barcellona? Pensa solo all'Inter" inter L'agente di Lautaro si espone: "Barcellona? Pensa solo all'Inter"

Leggi Anche

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments