L'INIZIATIVA

Formula E, accordo con UNICEF per proteggere i bambini durante l'emergenza

La partnership nasce con l'obiettivo di salvaguardare le categorie più deboli garantendo salute e diritto allo studio anche in piena pandemia

  • A
  • A
  • A

La Formula E ha annunciato un accordo di collaborazione con Unicef per proteggere i bambini e le famiglie più deboli, categorie maggiormente a rischio nell'ambito dell'emergenza sanitaria COVID-19. La partnership ha l'obiettivo di garantire la salute e il diritto allo studio contro la diffusione del coronavirus. I fondi saranno infatti destinati a programmi di apprendimento a distanza e all'approvvigionamento di dispositivi di protezione individuale per il personale ospedaliero e gli operatori sanitari in prima linea.

Il campionato 100% elettrico si è interrotto dopo le prime cinque gare, anche se i piloti sono pronti a scendere in pista virtualmente con Race at Home.

Nel frattempo, il pensiero va alle fasce più colpite dall'emergenza sanitaria: "Esattamente come Unicef, Formula E crede in un futuro migliore per bambini e giovani, perché questi vivano in un pianeta più pulito e sicuro - si legge nel comunicato - Formula E, nata con la missione di combattere il cambiamento climatico, ha una naturale vocazione a sensibilizzare il prossimo sull'impegno di UNICEF a favore dei bambini, specialmente nella lotta alla diffusione del coronavirus. Lavorando in collaborazione con Unicef, Formula E lancerà iniziative di raccolta fondi per combattere la diffusione dell'epidemia e, grazie a una donazione diretta, saranno possibili risultati immediati a favore delle categorie più deboli. L'impatto del coronavirus sui più giovani è stato enorme. Si calcola infatti che a causa della chiusura delle scuole circa un miliardo e mezzo di bambini abbiano difficoltà a studiare. Le gravi ripercussioni sull'economia globale rischiano inoltre di mettere in condizioni di povertà milioni di famiglie. Una situazione questa che il mondo non aveva mai affrontato sin dalla Seconda guerra mondiale".

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments