PROVE UFFICIALI

Verstappen, pole senza discussioni. Testacoda Ferrari: Sainz prima fila, Leclerc ultima

Il campione in carica completa con la pole due giorni di prove sempre in cima alle classifiche

di
  • A
  • A
  • A

Nessun dubbio, nessuna incertezza: Max Verstappen in pole a Barcellona con il tempo di un minuto, 12 secondi e 272 millesimi. Secondo tempo e prima fila per la Ferrari con Carlos Sainz che chiude a 462 millesimi dall'olandese. Seconda fila per la sorprendente McLaren di Lando Norris (+0.520) e - dopo la doppia penalizzazione di Pierre Gasly (impeding prima su Sainz e poi su Verstappen) - per Lewis Hamilton con la Mercedes. Terza fila per Lance Stroll e per Esteban Ocon, autorizzato a sognare il bis del podio di Montecarlo. Da parte sua, il canadese di Aston Martin ha la meglio (e proprio davanti al suo pubblico) su Fernando Alonso, che danneggia la AMR23-Mercedes numero quattordici sui cordoli del Montmelò e si allinea in quarta fila con Nico Hulkenberg (Haas powered by Ferrari). Qualifiche a due facce per Scuderia di Maranello: eliminato già nel Q1 l'altro ferrarista Charles Leclerc, a suo dire alle prese con una SF-23 completamente sbilanciata rispetto alle prove libere della tarda mattinata. Il monegasco prenderà il via dalla decima e ultima fila. Fuori nel Q2 invece Sergio Perez che dopo Monaco incappa in un'altra qualifica da incubo e dovrà schierarsi in sesta fila a fianco di un altro eliminato di lusso: George Russell, protagonista di una pericolosissima incomprensione con il compagno di squadra Hamilton in pieno rettilineo.  

Verstappen, pole senza discussioni. Testacoda Ferrari: Sainz prima fila, Leclerc ultima - foto 1
© Getty Images

 

A Barcellona va in onda una qualifica vissuta pericolosamente e a tratti sorprendente, tranne che per la (appunto) scontata pole position di Verstappen, largamente annunciata da tre turni di prove libere dominati dall'olandese. Max dividerà la prima fila con uno dei due piloti di casa. Non Fernando Alonso, come molti si sarebbero aspettati, ma il ferrarista Sainz che riequilibra le sorti di un turno di prove ufficiali iniziato decisamente male per le Rosse, con Leclerc confinato al fondo dello schieramento (e per la prima volta da quando guida la Ferrari eliminato in Q1) a causa di una monoposto inguidabile.

Prestazioni discordanti tra compagni di squadra anche in casa Red Bull: Verstappen in pole, Perez fuori nel Q2 dopo un dritto nella ghiaia della via di fuga. Stesso discorso in casa Aston Martin, dove Lance Stroll si accende all'improvviso e stacca un tempo da terza fila, per la delusione del pubblico spagnolo che fin da venerdì mattina spingeva Alonso verso ben altra performance. L'asturiano si ferma alla nona casella (poi promossa ottava dalla penalizzazione di Gasly). Con il carico di due penalizzazioni da tre posizioni ciascuna per ostruzionismo nei conferonti.. dei due pilotai poi in prima fila (Verstappen e Sainz), il francese di Alpine precipita dalla quarta alla decima posizione del ranking, chiudere la quinta fila aperta da Oscar Piastri che completa la miglior qualifica stagionale della McLaren, grazie soprattutto al terzo tempo di Norris.

Anche in casa Mercedes il verdetto delle prove ufficiali è contraddittorio: quinto tempo per Hamilton, dodicesimo per George Russell. Tra i due va in onda a metà sessione una pericolosa incomprensione in pieno rettilineo box: Russell si sposta a sinistra per sfilare la Ferrari di Sainz senza accorgersi della presenza della W14 gemella al suo fianco. Danni lievi per le monoposto ma soprattutto un gran sospiro di sollievo per un incidente che avrebbe potuto avere conseguenze ben più pesanti.  Nel tardo pomeriggio di sabato il collegio dei Commissari di Gara (del quale a Barcellona fa parte l'ex pilota Derek Warwick) commina un warning per cambio di traiettoria in rettilineo sia a Russell, sia al team di Stoccarda.

Leggi Anche

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 commenti