FORMULA 1

"Velocità in curva altissime, difficile seguire da vicino chi sta davanti": Hulkenberg... simula la nuova Formula Uno

Il 34enne pilota tedesco traccia l'identikit delle nuove monoposto che scenderanno in pista nel Mondiale a via il 20 marzo in Bahrein.

di
  • A
  • A
  • A

Terzo pilota e collaudatore dell'Aston Martin (che presenterà la propria AMR22 il prossimo 10 febbraio), Nico Hulkenberg fa le carte alla nuova Formula Uno. La prospettiva è - per un mese abbondante ancora - quella un po' asettica del simulatore, ma il tedesco, "supersub" d'eccellenza del Mondiale prima di accasarsi a Silverstone, ha i numeri per esprimere un giudizio ad alta fedeltà sulle caratteristiche delle monoposto di nuova generazione.

"In teoria dovrebbero essere un po' meno veloci e più impegnative da guidare, in modo che il focus sia la differenza che può fare il pilota, rispetto ad una prevalenza dell'aerodinamica e della performance dell'auto. Per quanto riguarda però il mio attuale livello d'esperienza, le nuovo monoposto sono dannatamente veloci e non necessariamente più lente di quelle della generazione che le ha precedute. Tra l'altro l'esperienza di guida non è cambiata granché, almeno al simulatore. Sarà interessante vedere se permetteranno di seguire da vicino chi ti precede in pista. Le velocità di percorrenza in curva sono estremamente elevate, quindi il rischio di trovarsi nell'aria "sporca" rimane. È difficile pensare che a certe velocità sia facile seguire in sicurezza chi ti sta davanti, ma forse avremo delle sorprese. Sarà tutto più chiaro al via dei test pre-campionato (dal 21 al 25 febbraio a Barcellona), quando squadre e piloti scopriranno davvero il comportamento delle nuove monoposto in pista. Per quanto riguarda gli pneumatici da diciotto pollici, non credo che creeranno problemi di visibilità: il pilota vedrà solo un po' più di cerchio rispetto allo pneumatico, come in passato". 

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 commenti