FORMULA 1

Montecarlo può costare cara a Ocon: Schumacher Jr. o  Doohan Jr. su Alpine a Montreal?

I due figli d'arte candidati a prendere il posto del responsabile nell'incidente tra le due Alpine domenica scorsa a Montecarlo

di
  • A
  • A
  • A
Montecarlo può costare cara a Ocon: Schumacher Jr. o  Doohan Jr. su Alpine a Montreal? - foto 1
© Getty Images

L'incidente con il compagno di squadra Pierre Gasly nel corso del primo giro del GP di Monaco potrebbe costare ad Esteban Ocon molto più caro dei cinque secondi sulla griglia di partenza del prossimo GP del Canada comminati al ventisettene pilota di Évreux. Nell'immediato dopogara di Montecarlo infatti il Vice Prsidente e Team Principal ad interim di Alpine Bruno Famin ha censurato senza mezzi termini l'avventatezza della manovra del suo pilota che - negli stessi istanti in cui la gara veniva interrotta con bandiera rossa per l'incidente tra Magnussen e Perez (coinvolta anche l'altra Haas di Hulkenberg) - provava ad infilarsi in uno spazio inesistente tra il guardrail e la A52 gemella di Gasly alla curva del Portier, poche decine di metri prima dell'ingresso nel tunnel. Famin ha parlato senza mezzi termini di "conseguenze" che prendono consistenza con il passare delle ore. Il sedile di Ocon insomma è a rischio, a questo punto addirittura a partire dall'appuntamento overseas di Montreal del secondo fine settimana di giugno. In prima fila per prendere il suo posto ci sono due nomi... altisonanti e altrettanti figli d'arte: Mick Schumacher e Jack Doohan.

Montecarlo può costare cara a Ocon: Schumacher Jr. o  Doohan Jr. su Alpine a Montreal? - foto 4
© Getty Images

Bocciato da Team Haas dopo due stagioni (2021 e 2022) povere di risultati ma ricche di incidenti, il venticinquenne figlio di Michael è stato ripescato dalla Mercedes, per la quale svolge attualmente il ruolo di pilota di riserva, ma è anche pilota ufficiale Alpine nel WEC (World Endurance Championship). Un pilota insomma in piena attività e "pronto", sia relativamente alle attuali wing cars del Mondiale (che ha guidato nei GP due anni fa), sia in termini di competizione.

Montecarlo può costare cara a Ocon: Schumacher Jr. o  Doohan Jr. su Alpine a Montreal? - foto 3
© Getty Images

Quanto a Doohan, l'esperienza del figlio del cinque volte campione del mondo della 500 Michael con le attuali monoposto è molto più limitata (una manciata di apparizione nelle prove libere dei GP dal 202 ad oggi), ma Jack (classe 2003, quattro anni meno di Schumacher Jr.) è il pilota di riserva "titolare" di BWT Alpine F1 Team.  A titolo di curiosità, i due candidati al posto di Ocon hanno genitori dallo stesso nome e il soprannome del papà di Jack è... Mick, il nome di Schumacher Jr.

Montecarlo può costare cara a Ocon: Schumacher Jr. o  Doohan Jr. su Alpine a Montreal? - foto 2
© Getty Images

Tornando ad Ocon, il pilota francese è considerato un grande talento, fin qui però largamente inespresso e compromesso (mai come ora) da un atteggiamento fin troppo aggressivo e irrispettoso nei confronti della propria squadra. Forse anche un talento mal gestito, ad esempio da Mercedes, del cui "giro" Esteban fa ancora parte, dopo essere cresciuto nella "cantera" delle Frecce d'Argento.

Montecarlo può costare cara a Ocon: Schumacher Jr. o  Doohan Jr. su Alpine a Montreal? - foto 5
© Getty Images

Per Ocon fin qui uno "storico" fatto di una sola vittoria (quella nel rocambolesco GP d'Ungheria del 2021, al suo secondo anno con l'attuale team, che nel 2020 era ancora Renault), il terzo posto proprio a Montecarlo nel 2023 ma soprattutto tanti episodi controversi con i suoi compagni di squadra: Gasly domenica scorsa e nel GP d'Australia del 2023 ma anche - in passato - Fernando Alonso in Alpine e Sergio Perez alla Force India.

Al di là del singolo (e grave, al livello di tempismo) episodio monegasco, il "caso Ocon" si accende proprio in una fase della stagione nella quale Alpine stava provando a riemergere da un primo terzo di Mondiale disastroso: a secco di punti nei primi cinque GP, il team bleu aveva finalmente mosso la propria classifica con il decimo posto di Ocon a Miami e - dopo un nuovo passaggio a vuoto a Imola - ha nuovo incasellato un punto proprio a Montecarlo, ovviamente con Gasly. Un trend migliorativo ma ancora piuttosto incerto, che non ammette distrazioni interne o questioni in sospeso.

Leggi Anche

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 commenti