AL VOLANTE

Leclerc sfreccia per Maranello all'alba con la Ferrari F1

Il monegasco impegnato per un video promozionale

  • A
  • A
  • A

Essere svegliati dal rombo di una Formula 1 all'alba? È quello che è successo agli abitanti di Maranello questa mattina quando Leclerc, intorno alle 6:30, si è messo al volante della sua Ferrari SF1000 per un video promozionale. Il monegasco ha sfrecciato per le vie del paese e poi sui social ha scherzato: "Scusate se ho svegliato qualcuno, stavo solo andando al lavoro". Campione anche di simpatia il numero 16 del Cavallino rampante. 

“Non sono uno che ama alzarsi dal letto all’alba ma questa mattina c’era un ottimo motivo per farlo. Forse abbiamo svegliato qualcuno ma è stato bello guidare sulle strade di Maranello la SF1000. È stata una grande emozione poter tornare in macchina oggi e soprattutto farlo su un tracciato così particolare. Rientrare nell’abitacolo mi ha fatto sentire come essere di nuovo a casa. Ci è sembrato un modo bello e divertente per dire che siamo pronti a tornare in pista. Adesso non vedo l’ora di poter guidare la SF1000 in Austria”, l'emozione di Leclerc.

La SF1000 dopo avere attraversato una via Abetone Inferiore deserta, è transitata davanti alla Gestione Sportiva in via Enzo Ferrari 27 nella quale dal 2015 tutte le vetture di Formula 1 della Scuderia vengono progettate, costruite e sviluppate. Charles ha proseguito il suo percorso sfilando davanti al Museo di Maranello, altra meta fondamentale degli appassionati, nella quale è possibile ammirare alcune delle più belle Ferrari costruite dall’azienda in 73 anni di storia.

Leclerc, il primo pilota dell’era moderna ad aver guidato una vettura di Formula 1 sulle strade di Maranello, ha concluso la propria esibizione imboccando via Gilles Villeneuve e dirigendosi alla leggendaria Pista di Fiorano. Questo circuito, infatti, ha tenuto a battesimo tutte le Ferrari stradali dal 1972 e, fino alla limitazione dei test, è stato il banco di prova per ogni vettura di Formula 1 della Casa di Maranello.

 

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments