F1, svelata la nuova Ferrari

E' siglata SF70H in onore dei 70 anni del Cavallino la nuova arma di Vettel e Raikkonen

  • A
  • A
  • A

E' siglata SF70H la nuova Ferrari per il Mondiale 2017 di Formula 1. La monoposto di Sebastian Vettel e Kimi Raikkonen celebra i 70 anni della scuderia del Cavallino ed è stata presentata online alle 9.45 in punto, con il team tutto schierato al suo fianco. Sarà questa l'arma con cui Maranello andrà a caccia dell'imbattibile Mercedes. Il battesimo è stato affidato a Raikkonen, subito in pista a Fiorano prima di cedere il volante a Vettel.

La vettura appare più rossa rispetto a quella delle stagioni precedenti: solo gli alettoni anteriori e la parte alta del retrotreno presentano un po' di bianco attraversato, sul retro, da un tricolore bianco, rosso e verde. Tra i marchi presenti sulla vettura anche quello dell'Alfa Romeo. Come detto, la sigla SF70-H, oltre a indicare la motorizzazione ibrida, celebra i 70anni della Ferrari, nata nel 1947, quando uscì dallo storico portone di via Abetone Inferiore a Maranello la prima vettura con il marchio del Cavallino, la 125S, la prima creatura a portare il nome del fondatore, Enzo Ferrari. La forma della SF70H è molto diversa da quella della SF16H. Il nuovo alettone anteriore, visto dall'alto, ricorda la punta di un dardo: più largo all'esterno, va restringendosi al centro del musetto. Il profilo è sinuoso, con avantreno e retrotreno stretti rispetto alle pance laterali molto pronunciate all'altezza dell'abitacolo. Il muso scende molto rapidamente verso gli alettoni in maniera lineare e senza curve. Importanti le prese laterali, molto ampie fin quasi a sembrare un altro corpo rispetto al resto del telaio. Le plance arrivano fino alle ruote posteriori per governare i flussi d'aria e favorire l'effetto suolo. Dietro al pilota parte una grande coda bianca sottilissima ai cui lati è stampata una lunga striscia tricolore. Tricolore che lambisce anche il classico simbolo del Cavallino sul muso anteriore.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments