GP MONACO

F1, Hamilton: “A Monaco difficile battere la Red Bull. Verstappen? Ci rispettiamo a vicenda”

Il Circus torna nel Principato dopo la cancellazione del 2020 causa Covid. Il campione del mondo punta al quarto successo su questa pista, ma l'olandese promette battaglia

  • A
  • A
  • A

Lewis Hamilton punta forte al GP di Monaco di F1, tornato in calendario dopo la cancellazione del 2020 causa pandemia, ma nella conferenza stampa il campione del mondo precisa: “Qui è difficile battere la Red Bull”. Il britannico parla anche della sfida ‘muscolare’ con Verstappen: “Contatto in pista? Può capitare che succeda, speriamo di no. Ma ci rispettiamo”. L’olandese non è mai salito sul podio a Monte Carlo: “Voglio invertire il trend”.

La Formula 1 torna a Monte Carlo per la prima volta in due anni (nel 2020 l’appuntamento più ‘glamour’ della stagione è stato cancellato causa Covid) e c’è grande attesa per l’ennesima sfida che Lewis Hamilton, trionfatore nel 2019, lancia ai grandi del passato: in caso di vittoria, l’attuale campione del mondo raggiungerebbe a quota 4 successi nel Principato un mostro sacro come Alain Prost, portandosi a -1 da Graham Hill e Michael Schumacher e a due vittorie dal leggendario Ayrton Senna. In conferenza stampa, Hamilton conferma di essere carico ma precisa: “Come tutti sanno, è solo una questione di qualifiche qui. Ma tornare qui è fantastico, soprattutto dopo aver mancato questa gara per un anno. Correre qui è come girare sulle montagne russe”.

L’avversario numero uno, inevitabilmente, sarà Max Verstappen e Hamilton lo sa bene: “Sarà molto difficile battere la Red Bull questo weekend – afferma il campione della Mercedes –. Sono veramente molto forti su questo circuito e in generale sono molto competitivi quest’anno”. Proprio parlando dell’olandese, c’è chi fa notare al sette volte campione del mondo come quest’anno, nello specifico a Imola e Barcellona, i due non abbiano nascosto manovre anche vigorose per restare uno davanti all’altro: “Finora abbiamo evitato incidenti, ce l’ho messa tutta per evitare Max. Ma ci sono altre 19 gare da disputare: magari ci scontreremo e ci toccheremo. Può succedere, naturalmente spero di no, devo dire che ci rispettiamo a vicenda”.

Proprio Verstappen, mai a podio a Monaco nella sua carriera, promette a sua volta battaglia: “Il Gp di Montecarlo è sempre qualcosa di molto speciale. La pista è diversa da tutte le altre, è stretta e quando fai un bel giro te lo godi perché sai che in quel caso hai raggiunto la perfezione. Non sono mai salito sul podio qui e abbiamo bisogno di invertire il trend. Vedremo se saremo veloci – aggiunge l’olandese –. Sarà fondamentale esserlo soprattutto in qualifica. So che qui non sono ammessi errori e dobbiamo essere perfetti già nelle qualifiche, sappiamo quanto sia difficile ribaltare la situazione in gara. Dobbiamo spingere al massimo per puntare alla vittoria”.

Il ‘terzo incomodo’, sulla carta, resta il compagno di squadra di Hamilton, Valtteri Bottas. Il finlandese, proprio come Lewis, teme le qualità della scuderia anglo-austriaca sul tortuoso circuito del Principato: “Sulla carta la Red Bull sarà forte – afferma –. Il margine è stretto, non sappiamo dove saremo rispetto a loro. Però, naturalmente, siamo preparati per ogni evenienza e pronti a combattere”.

Fra i protagonisti del weekend ce n’è poi uno che a Monte Carlo, in F1, non correva dal 2018, Fernando Alonso. Lo spagnolo della Alpine sa che la vittoria sarà quasi impossibile, ma non perde certo l’entusiasmo, anzi: “È un privilegio poter correre, e questo fine settimana abbiamo di nuovo i fan. Speriamo di tornare sempre più vicini alla normalità. Quello di Monaco poi è un fine settimana speciale su una pista unica, l’adrenalina è più alta di qualsiasi altro fine settimana. Non vedo l’ora di guidare, speriamo di avere un buon fine settimana”.

Leggi Anche

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments