Calcio ora per ora

Torino, Juric: "cori contro? Possiamo andare in Europa"

  • A
  • A
  • A
Ora per ora placeholder

"Dispiaciuto per i cori? No: so qual e' il mio lavoro e qual e' la situazione. Al nono posto, se la Fiorentina vince la Conference League, possiamo ancora andare in Europa". Cosi' Ivan Juric dopo la sconfitta per 3-0 a Bergamo: "Il Torino ha fatto molto bene per 20-25 minuti, ma il primo gol e' stato devastante. Abbiamo commesso un errore sul secondo contro un'Atalanta devastante per tecnica e qualita' di gioco", rimarca il tecnico granata. Sulla contestazione a lui e a Urbano Cairo, l'allenatore croato e' chiaro: "Ognuno giudica come vuole, a volte la mia schiettezza da male. Sono stati tre anni fantastici ai massimi livelli con molti giovani cresciuti e tanti giocatori portati nelle Nazionali. Il presidente e' un imprenditore e punta sulla sostenibilita' economica in sede di calciomercato - l'analisi -. Eravamo ripartiti da un diciassettesimo posto, spesso con giocatori 4 anni fa definiti i peggiori acquisti della nostra storia, e abbiamo costruito una squadra seria, giovane e bella. Ripeto: un triennio fantastico". Ancora, sulla sfida persa coi nerazzurri: "La differenza qualitativa con l'Atalanta e' enorme, anche come capacita' di tiro, stop e passaggio, Finche' abbiamo comandato il possesso e nei primi 25 minuti siamo andati bene, stavamo anche giocando meglio - continua Juric -. Gasperini e' il miglior allenatore d'Europa. Non perche' gli voglio bene, ma perche' lo dicono i numeri: e' forte ai livelli del Milan e della Juventus, spesso con giocatori creati e cresciuti. Ha creato un mostro di bravura". Infine, sulla prospettiva di un raduno conviviale dopo il campionato: "Avevamo l'idea di ritrovarci mercoledi', ma c'e' gente che ha gia' prenotato e chi va in Nazionale - chiude -. Ringrazio i ragazzi, sono stati tutti bravissimi".

Leggi Anche

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 commenti