PLAYOFF SERIE B

Serie B: Tremolada stende il Frosinone allo Stirpe, Pordenone più vicino alla finale

Partita ricca di occasioni e portieri decisivi, poi i neroverdi vincono 1-0 grazie alla prodezza del fantasista appena entrato in campo

  • A
  • A
  • A

Il Pordenone si avvicina alla finale playoff di Serie B e alimenta sempre più il sogno di salire in A. L'andata della semifinale contro il Frosinone, giocata allo stadio Stirpe, finisce infatti 1-0: i neroverdi esultano all'82', grazie a una prodezza di Luca Tremolada appena entrato in campo. Partita ricca di occasioni per entrambe le squadre, con i portieri Bardi e Di Gregorio decisivi. A tempo scaduto il Var annulla il pareggio a Salvi.

Manca una sola partita al Pordenone per centrare lo storico obiettivo che, più o meno silenziosamente, era stato al centro di Attilio Tesser e dei suoi giocatori per mesi e mesi: giocarsi la Serie A fino all'ultima partita. L'1-0 dello Stirpe sul Frosinone permette infatti ai Ramarri di disputare il ritorno in casa con la consapevolezza di poter centrare la finale con una vittoria, un pareggio, ma anche una sconfitta per 1-0 (che richiederebbe però i tempi supplementari). Frosinone permettendo, dato che la squadra di Nesta vista stasera è ciò che meno somiglia a un semplice sparring partner. La partita entra immediatamente nel vivo, dato che già dopo 12 secondi il Frosinone conquista il primo corner della partita. Subito dopo si scatena il contropiede del Pordenone, non sfruttato da Gavazzi in una situazione di cinque contro due. Poi Dionisi manca il vantaggio di un soffio con una bordata dal limite, e dall'altra parte risponde Pobega da posizione impossibile. Quindi è Novakovich a mancare la porta di testa con Di Gregorio uscito a farfalle. Tutto nei primi dieci minuti. I ritmi restano alti, con Ciurria che manca la porta con un bolide dalla distanza e Camporese che anticipa Dionisi sul più bello. Nel finale di tempo sono quindi lo stesso Camporese (in leggero ritardo su un corner di Gavazzi) e Ciurria su una ripartenza a sfiorare il vantaggio per un Pordenone complessivamente migliore dei ciociari nella prima frazione di gioco.

La ripresa si apre invece con un'occasione per il Frosinone, ma Novakovich viene chiuso sul più bello. Giocano meglio i padroni di casa, ma quando i neroverdi ripartono fanno paura: Ciurria si illumina dal limite e impegna severamente l'attento Bardi. Dall'altra parte è Di Gregorio a rispondere da campione al solito Dionisi, ma la più grande prodezza è ancora una volta di Bardi: spettacolare il suo intervento sull'ispiratissimo Ciurria, ispirato da Burrai. Tesser si gioca per il finale la carta Tremolada e viene subito premiato. A meno di tre minuti dal suo ingresso in campo, infatti, il fantasista dei Ramarri viene servito in profondità al limite, controlla di destro, fa tre passi e libera una sassata mancina che si infila in rete. All'82' si sblocca quindi la partita, e ormai per il Pordenone sembra tutto in discesa (ancora una volta Bardi è fondamentale per sbarrare la porta a Ciurria, evitando così il raddoppio). A tempo scaduto però il Frosinone si ripresenta in avanti e Salvi batte Di Gregorio, ma il gol non c'è per fuorigioco di Ariaudo: lo stabilisce il Var, e a nulla valgono le proteste di Dionisi e il resto della squadra. Il Frosinone perde in casa, e per giocarsi le proprie speranze di tornare in A servirà un'impresa nella sfida di ritorno.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments