SASSUOLO-MILAN 1-2

Serie A, Sassuolo-Milan 1-2: Ibrahimovic riporta i rossoneri in Europa

Lo svedese firma le reti del successo al Mapei Stadium. Pioli ha conquistato l'Europa League

di
  • A
  • A
  • A

Vincendo 2-1 sul campo del Sassuolo, il Milan di Pioli ha conquistato la qualificazione alla prossima Europa League con tre turni di anticipo. Uomo-copertina sempre Zlatan Ibrahimovic, autore della doppietta decisiva al Mapei Stadium già nel primo tempo, con un colpo di testa in tuffo al 19' e vincendo l'uno contro uno su Consigli in pieno recupero, sempre su assist di Calhanoglu. Nel mezzo il rigore di Caputo che illude De Zerbi.

LA PARTITA

Europa doveva essere ed Europa League è stata, con tre turni di anticipo per capire se sarà dalla porta principale o dai playoff. Il Milan di Ibrahimovic - e stasera più che mai - di Pioli, confermato con un biennale durante il match anche per le prossime stagioni - ha battuto 2-1 il Sassuolo, l'ultimo concorrente per l'obiettivo rossonero. La firma è di quelle importanti, in duplice copia: Zlatan Ibrahimovic. Doppietta nel primo tempo con due reti su azione, le prime dalla ripresa del campionato, prima e dopo il rigore di Caputo. Una sfida combattuta fino al recupero del primo tempo quando l'espulsione di Bourabia ha cambiato lo scenario.

Più infortuni che reti, a conti fatti, se è vero che le due squadre hanno perso una dopo l'altra pedine importanti per problemi fisici. Lascito duro e crudo delle fatiche delle ultime settimane, ma che non hanno impedito al Milan di Pioli di trovare il vantaggio al 19' con un colpo di testa in tuffo su imbeccata millimetrica di Calhanoglu. Eppure il match era iniziato decisamente meglio per il Sassuolo, attivo e concentrato sulla trequarti e capace con Berardi di impensierire la 200a presenza rossonera di Donnarumma. Prima dell'intervallo poi è successo di tutto: il Milan dopo Conti ha perso anche Romagnoli per infortunio e al 39' per un tocco di braccio di Calhanoglu è arrivato il rigore che Caputo ha saputo trasformare nella rete del pareggio durato solo cinque minuti. Tempo per la coppia Calha-Ibra per confezionare un contropiede perfetto, impacchettato dallo svedese con tanto di dribbling a Consigli per il 2-1. L'espulsione di Bourabia per somma di ammonizioni ha fatto il resto.

Nella ripresa, infatti, le occasioni da gol sono state poche ma tutte di marca rossonera, in una partita dai ritmi drasticamente calati. Un palleggio ragionato e defaticante, con qualche chance qua e là per calare il tris prima con un ottimo scambio Kessie-Ibra, poi con il palo di Bennacer e poi la doppia occasione di Bonaventura sventata da Consigli. Poco male, per il Milan contavano i tre punti e sono arrivati. L'Europa League è all'orizzonte, con Pioli saldamente al timone.

--
LE PAGELLE

Ibrahimovic 7,5 - Lascia qualche polemica alle spalle e si scatena in campo trovando i primi gol su azione dalla ripresa del campionato. In tuffo di testa e a tu per tu col portiere, detta i tempi d'attacco duettando anche con Rebic e soprattutto Kessie. Decisivo.

Calhanoglu 7,5 - L'uomo più in forma per distacco del Milan di Pioli. Altri due assist, entrambi per Ibrahimovic, e la sensazione di essere sempre in grado di creare pericoli con la palla tra i piedi.

Saelemaekers 6,5 - Incarna forse più di tutti il nuovo spirito dei rossoneri: cose semplici ed efficaci senza mai strafare. Una sorpresa che si conferma anche a Reggio Emilia.

Locatelli 6,5 - Personalità in mezzo al campo contro il suo passato. Ogni tanto sbaglia qualche pallone, ma si assume molti rischi che spesso creano occasioni.

Berardi 5,5 - Inizia molto bene, vivace e pericoloso al limite dell'area, lasciando anche il rigore del pari a Caputo. Poi si perde troppo velocemente nella partita.

Bourabia 4,5 - Rovina un buon primo tempo, anche se con qualche imprecisione, con una espulsione sciocca prima dell'intervallo. Lascia i suoi in dieci per tutto il secondo tempo cambiando il volto e il senso del match nella ripresa.

--
IL TABELLINO

SASSUOLO-MILAN 1-2
Sassuolo (4-2-3-1):
Consigli 6,5; Muldur 5 (1' st Kyriakopoulos 5,5), Marlon 5, Peluso 5,5, Rogerio 6; Locatelli 6,5, Bourabia 4,5; Berardi 5,5, Haraslin 5 (1' st Boga 5 (22' st Djuricic 5,5)), Raspadori 6 (1' st Magnanelli 6); Caputo 6 (44' st Traoré sv). A disp.: Pegolo, Turati, Djuricic, Toljan, Magnani, Piccinini, Ghion, Manzari. All.: De Zerbi.
Milan (4-2-3-1): G. Donnarumma; Conti (10' Calabria), Kjaer, Romagnoli (31' st Gabbia), Hernandez (1' st Laxalt); Kessie, Bennacer (34' st Biglia); Saelemaekers, Calhanoglu (34' st Bonaventura), Rebic; Ibrahimovic. A disp.: Begovic, A. Donnarumma, Krunic, Leao, Maldini, Brescianini, Paquetà. All.: Pioli.
Arbitro: Pairetto
Marcatori: 19' Ibrahimovic (M), 42' rig. Caputo (S), 47' Ibrahimovic (M)
Ammoniti: Locatelli (S); Hernandez, Bennacer, Laxalt, Bonaventura (M)
Espulsi: 52' Bourabia (S) per somma di ammonizioni
--

LE STATISTICHE DI OPTA

Il Milan ha segnato almeno due gol in tutte le ultime nove gare di Serie A: la sua miglior serie in una singola stagione dal 1964 (10).

Prima di oggi, l'ultima marcatura multipla di Zlatan Ibrahimovic nel corso di un primo tempo di Serie A risaliva a marzo 2012 (in quell'occasione tripletta contro il Palermo).

Dalla ripresa del campionato a giugno, nessun giocatore ha servito più assist in Serie A di Hakan Calhanoglu (sette, come Alexis Sánchez).

Il Sassuolo è la 29ª squadra differente contro cui Ibrahimovic trova il gol in Serie A, su 32 affrontate.

Hakan Calhanoglu ha servito otto assist in questa Serie A, record per lui in una singola stagione nei cinque maggiori campionati europei.

Prima di Hakan Calhanoglu, l'ultimo giocatore del Milan a servire un assist in tre presenze di fila in Serie A è stato Robinho, nel 2012.

Il Sassuolo interrompe oggi una serie di imbattibilità di otto gare in Serie A.

Francesco Caputo è il secondo giocatore nella storia del Sassuolo ad andare a segno in quattro presenze di fila in Serie A, dopo Defrel nel 2016.

Entrambi i gol di Francesco Caputo contro il Milan in Serie A sono arrivati dal dischetto.

Presenza numero 200 per Gianluigi Donnarumma a livello di club (tutte con il Milan). Alla stessa età, 21 anni e 146 giorni, Gianluigi Buffon contava 134 gare con club.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments