Serie B: colpo Pisa a Brescia e primo posto, poker Benevento alla Reggina, la Spal sorride con Pepito Rossi  

I toscani si aggiudicano 1-0 il big match di alta classifica, i campani travolgono gli amaranto 4-0, Pepito torna al gol in Italia dopo tre anni e mezzo e regala l’1-0 a Cosenza

  • A
  • A
  • A

Il Pisa espugna Brescia e scavalca proprio le Rondinelle in vetta alla classifica della Serie B dopo quattordici giornate: ai toscani basta il super gol di Sibilli. Benevento a valanga 4-0 sulla Reggina e vittoria anche della Spal 1-0 a Cosenza grazie al ritorno al gol in Italia di Giuseppe Rossi da maggio 2018. Si salva nel finale il Frosinone, 2-2 col Pordenone in dieci. Successo dell’Alessandria 1-0 sulla Cremonese mentre è 1-1 Ascoli-Monza. 

BRESCIA-PISA 0-1
Il Pisa vola in testa alla classifica della Serie B scavalcando proprio il Brescia: 28 punti per i toscani, 27 per le Rondinelle dopo la vittoria al Rigamonti dei toscani. Nel big match di alta classifica, le due squadre si studiano nel primo tempo giocando con ordine e ritmi bassi. Nella ripresa la musica non cambia, serve quindi un lampo per sbloccare la partita: così al 70’ arriva il super gol con un tiro da fuori area all'incrocio di Sibilli, appena entrato, a spezzare l’equilibrio dell’incontro. A questo punto il match si anima, gli uomini di Inzaghi provano a recuperare ma il Pisa riparte alla grande sfiorando il raddoppio e reclamando un paio di volte il rigore. L’assalto finale del Brescia non va a buon fine e il Pisa si gode la vetta solitaria.  

ALESSANDRIA-CREMONESE 1-0
Vittoria fondamentale in chiave salvezza per l’Alessandria, che sale a 14 punti staccando di sei lunghezze il Crotone terzultimo. Brutta caduta invece per la Cremonese che ritrova la sconfitta dopo quattro gare e perde l’occasione di agganciare il secondo posto in classifica. E’ un lampo di Mustacchio in avvio di ripresa a regalare i tre punti ai grigi, poi gli ospiti sfiorano più volte il pari nel finale ma l’Alessandria ringrazia la traversa.

ASCOLI-MONZA 1-1
Avanti a braccetto Ascoli e Monza entrambe a 22 punti dopo il pari del Del Duca. Sono i padroni di casa a passare in vantaggio dopo otto minuti su rigore con Sabiri, ma il Monza reagisce di rabbia e prima pareggia i conti al 33’ con Valoti, poi va vicino anche al 2-1 ma il Var annulla la rete di D’Orazio per fuorigioco. Nella ripresa entrambe le squadre cercano la vittoria ma regna il massimo equilibrio fino al fischio finale.

BENEVENTO-REGGINA 4-0
Torna alla vittoria dopo tre sconfitte consecutive il Benevento e lo fa travolgendo la Reggina nel derby del Sud Italia. Partita senza storia e i campani raggiungono a 22 punti proprio i calabresi in zona playoff. Tutto chiuso già a metà del primo tempo con i gol di Viviani (11’) e Lapadula (24’), poi nella ripresa Ionita e Tello calano il poker infierendo su una Reggina oggi davvero fuori fase.

COSENZA-SPAL 0-1
Doppia bella notizia per la Spal a Cosenza: i ferraresi tornano alla vittoria dopo tre giornate allontanandosi dalla zona playout e ritrovano Giuseppe Rossi, che torna al gol in Italia per la prima volta dal 6 maggio 2018 quando firmò una rete contro la Fiorentina con la maglia del Genoa. Basta il lampo di testa di Pepito al 58’ per la Spal, che poi resta in dieci nel finale ma riesce comunque a difendere il prezioso vantaggio. I calabresi restano invece a 15 punti scavalcati proprio dalla Spal.

FROSINONE-PORDENONE 2-2
Impresa sfiorata del Pordenone a Frosinone, ma i friulani vengono beffati all’ultimo respiro e rimandano così la prima vittoria in campionato, mentre la squadra di Grosso perde l’occasione di attaccare la vetta della classifica. Parte fortissimo il Pordenone che segna al 14’ con Butic, ma il Var annulla la rete. Il gol dei neroverdi però è solo rimandato e al 48’ si concretizza l’1-0 ospite grazie a Barison, ma al 59’ il doppio giallo a El Kaouakibi lascia i friulani in dieci e il Frosinone ne approfitta al 74’ pareggiando con Charpentier. A questo punto la squadra di Grosso spinge a tutta forza, ma al minuto 86’ accade l’impensabile: Cambiaghi approfitta di un errore della difesa ciociara e firma l’incredibile 2-1. Sembra fatta l’impresa per il Pordenone, ma al 96’ ancora Charpentier spezza i sogni degli uomini di Tedino che subiscono una clamorosa beffa.

PERUGIA-CITTADELLA 1-1
Avanzano insieme entrambe a 21 punti Perugia e Cittadella e l’equilibrio della classifica viene rispettato anche in campo nella sfida del Curi. Un tempo ciascuno con i padroni di casa che partono meglio e riescono a passare in vantaggio al 38’ con Matos, ma poi gli umbri non sono  in grado di chiudere i conti e allora nella ripresa escono i veneti e la reazione si concretizza al 78’ grazie alla rete di Beretta. Dopo un interminabile e concitato recupero, arriva un punto a testa e la zona playoff resta distante una sola lunghezza. 

 

Leggi Anche

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 commenti