Calcio ora per ora

SALERNITANA, SLITTA IL TERMINE PER LE OFFERTE

La vicenda legata alla cessione della Salernitana si arricchisce di

Ora per ora placeholder
  • A
  • A
  • A

La vicenda legata alla cessione della Salernitana si arricchisce di un nuovo capitolo. I trustee Paolo Bertoli e Susanna Isgro' hanno concesso una proroga per consentire ai potenziali acquirenti di presentare offerte irrevocabili di acquisto del club. Con una nota, infatti, i rappresentanti di Widar Trust e Melior Trust hanno chiarito che le offerte ricevute entro il 30 settembre "non possono essere attualmente ritenute valide, congrue e vincolanti per il trust". I soggetti interessati, infatti, avevano vincolato la propria offerta all'approfondimento di alcune voci di bilancio. Pertanto i trustee hanno fissato un nuovo termine al 15 novembre: entro questa data potranno farsi avanti anche eventuali altri soggetti interessati ma, nel frattempo, proseguiranno anche le interlocuzioni con i tre offerenti che gia' si sono fatti avanti nelle scorse settimane. Nella nota diffusa in giornata i trustee hanno chiarito di aver gia' determinato il prezzo minimo di vendita e che i soggetti interessati dovranno dimostrare di possedere i requisiti d'indipendenza oltre ai requisiti economici, patrimoniali e finanziari. I potenziali offerenti potranno far richiesta dei documenti necessari per effettuare la due diligence che dovra' essere compiuta dall'offerente entro un mese dal ricevimento della documentazione. La proposta di acquisto irrevocabile dovra' essere formulata entro il 15 dicembre. Il soggetto interessato a rilevare la Salernitana, nel momento in cui presentera' l'offerta, dovra' versare il 5% del prezzo offerto a titolo di acconto che verra' restituito se l'offerta non venisse accettata. In caso di fumata bianca la cessione dovra' avvenire entro dieci giorni o comunque entro il 31 dicembre. Se dovessero arrivare piu' offerte congrue, verra' indetta una gara fra gli offerenti con l'offerta piu' alta ricevuta che rappresentera' il prezzo base e rilancio minimo pari all'1% del prezzo base della gara.

Leggi Anche