SERIE A

Roma-Lazio e Juve-Inter: la domenica dei derby... senza pari

Le vittoria di Napoli e Milan impongono alle inseguitrici un solo risultato

  • A
  • A
  • A
© Getty Images

Il derby d'Italia e quello di Roma arrivano all'indomani dell'ennesimo successo del Napoli e della vittoria in extremis del Milan: la classifica non può così non pesare su Juve-Inter e Roma-Lazio, sulle prospettive di Allegri, Inzaghi, Mourinho e Sarri. Chi si ferma oggi è perduto, o quasi. Spalletti corre veloce più che mai, Pioli con qualche affanno mantiene la distanza: se perdere è letale, allo Stadium e all'Olimpico il risultato più inutile è il pareggio. Partiamo da Torino. La Juve può scavalcare l'Inter, tenersi a meno dieci dalla vetta (sempre una enormità visto questo Napoli) e guadagnare preziosissimo terreno in chiave Champions. L'Inter gioca per sé e per eliminare la storica rivale: deve mantenere inalterate le distanze da Napoli e Milan, può agganciare l'Atalanta e guadagnare su una tra Roma e Lazio (o su entrambe), ma soprattutto ha l'occasione di relegare la Juve nell'angolino buio di una classifica destinata alla mediocrità. Il pari, per entrambe, in una situazione del genere equivarrebbe a banale sussistenza. Non diversa la situazione dell'Olimpico, solo un tantino più calda l'atmosfera già infuocata in settimana dalle dichiarazioni post-Europa. Mourinho e Sarri giocano con le parole e soffiano su una rivalità che oggi va oltre la città ma coinvolge più che mai anche speranze (se non ambizioni) di classifica: sul terreno non ci sono solo allungo (Roma) o sorpasso (Lazio) ma anche il consolidamento delle mire Champions e la tenuta di un ritmo da prime della classe o quasi. Anche qui, come a Torino, il pari sarebbe un inutile orpello. Il tutto, sia chiaro, a palla inattiva, pura teoria a freddo che non tiene infatti conto dell'insieme tormentato di pensieri, paure, sentimenti, speranze, antipatie che riveste di unicità i due derby odierni, dove l'imprevedibilità del campo può stravolgere ogni strategia e ribaltare ogni tattica. Formazioni? Restano ancora diversi dubbi, ma ci sono di certo recuperi importanti che arricchiscono lo spettacolo. Si parte alle 18, apre Roma-Lazio. Si prosegue alle 20.45 con Juve-Inter. Non è dato sapere quando si chiuderà: sfide così si esauriscono spesso ben oltre il 90esimo...

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 commenti