ARBITRI

Arbitri, Rizzoli detta la linea: "Meno rigori leggeri, i difensori non sono pinguini"

"Non si annulleranno più gol come quello di Ibra a Firenze"

  • A
  • A
  • A

La stagione 2020/2021 prende il via ufficialmente anche per gli arbitri italiani. Agli ordini del designatore Rizzoli saranno 48 i direttori di gara, con le importanti novità della riunificazione della Can unica A e B e della modifica al regolamento sui tocchi di mano che precedono o portano a un gol. Quest'anno, infatti, il fallo di mano invaliderà infatti il gol soltanto se avverrà nell'immediatezza della rete. "Non vedremo più gol annullati come quello di Ibra a Firenze", ha spiegato Rizzoli per chiarire il concetto. 

Vedi anche Arbitri: a Piccinini l'esordio della Juve con la Samp Calcio Arbitri: a Piccinini l'esordio della Juve con la Samp

"Conta l'immediatezza - ha aggiunto il designatore -. Un esempio? Veretout in Roma-Samp verrebbe ancora annullato, non c'è nulla tra il tocco di Perez e il suo tiro, quello di Ibra no". Ma non è tutto qui. In questa stagione, infatti, gli arbitri del campionato italiano saranno meno "rigidi" sui contatti in area. "Premesso che i dati dell’ultima Champions evidenziano più falli e gialli per le squadre italiane dimostrando che c’è un’attitudine al gioco diverso, sì, ci sono rigori concessi che sono troppo leggeri - ha spiegato Rizzoli -. C’è contatto e contatto, soprattutto nel calcio, che è fatto di contatto". "De Roon in Juve-Atalanta? Non lo vorrei rivedere: è troppo leggero", ha aggiunto.

"Sono situazioni da valutare sul campo, però non possiamo togliere al difensore la possibilità di fare un movimento istintivo: se il braccio non poteva essere più ritratto non deve essere punibile - ha continuato il designatore -. L’obiettivo è permettere ai difensori di non giocare come i pinguini". Indicazioni studiare per dare un'adeguata risposta all'impennata record dei rigori della scorsa stagione (187) e maggiore continuità al gioco. "Rigori? L’augurio è che se ne fischino di meno: vorrebbe dire che si interpretano meglio contatti valutati in maniera troppo leggera e che i giocatori capiscano che un contatto non equivale a un rigore", ha concluso Rizzoli. 

Leggi Anche

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments